18.7 C
New York
martedì, Giugno 28, 2022
spot_img

F1, GP Abu Dhabi: Verstappen campione 2021, respinto reclamo Mercedes

Il Gran Premio di Abu Dhabi 2021 ha sancito il round finale del campionato del mondo di Formula 1 2021. Una gara piena di colpi di scena e polemiche, in primis Lewis Hamilton che al primo giro sembra approfittare di un lungo di Max Verstappen, interno a lui in un ruota a ruota, per prendere la via di fuga e guadagnare spazio, e poi la discussa Safety Car nel finale allungata fino all’ultimo giro dopo la quale Verstappen ha superato Hamilton.

E nonostante i festeggiamenti in onore dell’olandese per il titolo mondiale appena conquistato si è dovuta aspettare sera prima che i giudici respingessero il ricorso della Mercedes a causa d’irregolarità rilevate nella procedura dell’ultima ripartenza, in quanto il direttore di gara Michael Masi, contestatissimo per le sue scelte molto controverse in questa stagione, aveva dato il via libera di sdoppiarsi solo alle vetture che si trovavano in quel momento tra Hamilton e Verstappen, mentre per regolamento avrebbero dovuto farlo tutte quelle in ritardo di un giro o più dal pilota di testa.

La Mercedes ha comunque comunicato che farà appello alla decisione della direzione gara direttamente alla FIA, anche se i precedenti non sono a favore della Casa di Stoccarda.

Il 24enne della Red Bull diventa dunque il primo campione del mondo olandese della storia, rompendo il dominio nel campionato piloti di Lewis Hamilton e della Mercedes, che dura rispettivamente dal 2017 e dal 2014, anche se la scuderia tedesca si è comunque assicurata il suo ottavo campionato costruttori consecutivo.

Una stagione molto stancante, piena d’intrighi, accuse a vicenda tra i contendenti al titolo contornate da scelte da parte della direzione gara e dei media collegati molto discutibili, che avvicinano la Formula 1 più alla WWE che alla disciplina motoristica che è sempre stata.

In tutto questo, comunque, da segnalare la grandissima sportività di Hamilton che ha subito accettato la sconfitta, seppellendo – almeno per il momento – l’ascia di guerra e congratulandosi con Verstappen, anche se il desiderio di tornare nel 2022 per conquistare il tanto agognato ottavo titolo che gli permetterebbe di diventare il pilota più vincente della storia è sicuramente forte.

La Ferrari conclude una palese stagione di transizione con un terzo posto di Carlos Sainz, che si spera possa essere il preludio di un 2022 di nuovo da protagonista. Il bilancio è quantomeno positivo: terza posizione in classifica costruttori – nettamente davanti alla McLaren –, cinque podi e soprattutto nessun ritiro per problemi tecnici, con Sainz che ha addirittura chiuso senza nessun ritiro e quinto in classifica piloti, il primo dopo i piloti Red Bull e Mercedes. Unico rammarico di una stagione in risalita, forse, è l’incidente in qualifica di Charles Leclerc a Monaco dopo aver spinto inutilmente con la pole position ormai in tasca, e che non gli ha permesso di partecipare alla corsa il giorno dopo e forse addirittura vincerla.

Da segnalare, inoltre, l’addio alla F1 del veterano finlandese Kimi Raikkonen, in pista dal 2001 e campione del mondo 2007 con la Ferrari, salutato con grande ovazione e affetto da avversari, amici e fan.

Si chiude così la stagione 2021 del campionato mondiale di Formula 1, la prima dal 2016 a vedere un duello così intenso fino all’ultimo Gran Premio.

Il Circus ripartirà nel weekend del 18-20 marzo 2022 in Bahrain, sul circuito di Sakhir, con vetture totalmente nuove e valori in campo probabilmente diversi rispetto a quelli a cui siamo stati abituati finora. Sperando che ci siano meno polemiche.

AGC/SP

Foto F1

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli