21.9 C
New York
martedì, Giugno 28, 2022
spot_img

Covid, rubate chiavi per la generazione di Green pass UE

Fonti italiane autorevoli segnalano che sono state rubate alcune chiavi che consentono la generazione di Green pass UE validi ai controlli. Come prova di ciò ne sono stati diffusi sul dark web due con le credenziali di Adolf Hitler, rispettivamente con data di nascita al 1° gennaio 1900 e del 1930, e sono risultati perfettamente funzionanti sulle app di scansione europee, anche la “Verifica C19” usata in Italia. Secondo il sito d’informazione Zerozone.it quello recante la data del 1° gennaio 1900 sarebbe stato emesso da “Cnam – Caisse Nationale d’Assurance Maladie”, un ente francese, il 25 ottobre 2021, mentre l’altro indicherebbe come azienda produttrice del vaccino somministrato “Janssen – Cilag international”, in Polonia.

Si è anche ipotizzato che a generare questi Green pass falsi fosse stato un qualche lavoratore delle farmacie o degli ospedali, quindi dotato dei sistemi di produzione dei certificati, mentre gli hacker francesi non hanno dubbi che siano state rubate alcune delle chiavi che li generano.

Per quanto riguarda l’Italia, non risultano al momento attacchi informatici alla Sogei, la società di Information tecnology del ministero dell’Economia che fornisce i codici per generare i Green pass italiani, anche se l’allerta resta alta.

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli