-1.7 C
New York
giovedì, Gennaio 27, 2022
spot_img

Bologna, Gruppo FS presente alla commemorazione della strage del 1980

 li 2 agosto 2021, h 10.25, stazione di Bologna. Il triplice fischio e poi un minuto di raccoglimento. In un crocevia di arrivi e partenze, per un attimo si è fermato tutto.

Nell’immobilità avvolta nel silenzio è la mente a compiere un viaggio fino ad arrivare allo stesso istante di 41 anni prima. Fino a sentire il fragore dell’esplosione nella sala d’attesa della stazione, piena di persone pronte a partire per le vacanze. Fino a toccare una delle ferite più dolorose aperte in Italia.

Lo riporta FsNews la testata giornalistica on line del Gruppo Ferrovie dello Stato https://www.fsnews.it/it/focus-on/corporate/2021/7/30/commemorazione_strage_bologna_2021.html

 Oggi la stazione emiliana si fa tempio della memoria, accogliendone i riti e celebrando il ricordo della strage del 2 agosto del 1980 e delle sue 85 vittime. Presente alla commemorazione anche il Gruppo FS Italiane, rappresentato da Anna Masutti e Vera Fiorani, presidente e AD di Rete Ferroviaria Italiana. 

Dopo il corteo da piazza Nettuno a piazza delle Medaglie d’oro, si sono succeduti gli interventi di Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime, e di Virginio Merola, sindaco di Bologna e presidente del Comitato di solidarietà alle vittime delle stragi. Poi la deposizione delle corone nella sala d’attesa. Sui social è stata lanciata l’iniziativa “40 anni, una voce”, una diretta con testimonianze, contributi e reading di 11 attori che leggeranno articoli di giornale, lettere e discorsi dell’associazione dei familiari delle vittime.

 

Il 2 agosto non è solo la data della strage di Bologna, ma quella scelta per non dimenticare altri episodi drammatici che hanno segnato il nostro Paese. Davanti al binario 1 è stato rinnovato il ricordo del sacrificio di Silver Sirotti, ferroviere venticinquenne che – uscito incolume dall’esplosione dell’attentato terroristico che nel 1974 colpì il treno Italicus Roma-Monaco –  non esitò a tornare a bordo della carrozza con un estintore per cercare di spegnere le fiamme.

Un treno straordinario è partito da Bologna per raggiungere San Benedetto Val di Sambro (BO), teatro della tragedia del ’74 e di quella del treno rapido 904 Napoli-Milano del 1984.

Foto Legione Carabinieri Bologna

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli