lunedì, Settembre 27, 2021
HomeAttualitàUS Navy Probabile attacco droni petroliera al largo dell'Oman, due marittimi...

US Navy Probabile attacco droni petroliera al largo dell’Oman, due marittimi uccisi

DUBAI, Emirati Arabi Uniti (Associated Press fonte). Gli esperti di esplosivi della Marina degli Stati Uniti ritengono che un “attacco di droni” abbia preso di mira la petroliera che è stata attaccata al largo della costa dell’Oman nel Mar Arabico, uccidendo due persone a bordo.

L’attacco  di giovedì 29 luglio  alla petroliera Mercer Street segna il primo attacco mortale  dopo anni di assalti alle navi mercantili nella regione legati alle tensioni con l’Iran per l’accordo nucleare internazionale stracciato dalla amministrazione Trump.

Sebbene nessuno abbia rivendicato l’attacco, i funzionari israeliani puntano il dito su  Teheran che ufficialmente non ha rilasciato alcuna smentita. Nel frattempo la portaerei americana a propulsione nucleare USS Ronald Reagan e il cacciatorpediniere lanciamissili USS Mitscher stanno scortando la Mercer Street verso un porto sicuro, ha dichiarato la 5a flotta della Marina degli Stati Uniti con sede in Medio Oriente.

“Gli esperti USA di esplosivi della Marina sono a bordo per garantire che non vi siano ulteriori pericoli per l’equipaggio e sono pronti a supportare un’indagine sull’attacco” scrive una nota della 5a flotta.

Le prime indicazioni confermerebbero  che l’attacco è stato effettuato da un drone, ma la nota non  spiega come il drone abbia  colpito e determinato  il danno, sebbene gli esperti  di esplosivi abbiano individuato“una chiara prova visiva dell’attacco ” a bordo della Mercer Street,

La Mercer Street è gestita da Zodiac Maritime, con sede a Londra, parte del gruppo Zodiac del miliardario israeliano Eyal Ofer. L’azienda ha riferito che l’attacco ha ucciso due membri dell’equipaggio, uno dal Regno Unito e l’altro dalla Romania, senza farne i nomi e senza descrivere le modalità dell’assalto.

La Mercer Street, vuota di carico, era in viaggio da Dar es Salaam, in Tanzania, a Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti, l’attacco ha preso di mira la petroliera appena a nord-est dell’isola omanita di Masirah, a oltre 300 chilometri  a sud-est della capitale dell’Oman, Muscat.

L’agenzia di stampa statale dell’Oman alla fine di venerdì ha descritto l’area come “al di fuori delle acque regionali dell’Oman” e ha affermato che le sue forze hanno risposto alla chiamata di emergenza della petroliera.

Funzionari israeliani,  in anonimato in quanto non autorizzati a parlare con i media, hanno accusato Teheran dell’attacco, ma non hanno offerto alcuna prova a sostegno della loro affermazione.

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha twittato venerdì scorso di aver parlato con il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab sulla “necessità di rispondere severamente” all’attacco, anche se ha smesso di incolpare direttamente l’Iran.

Altre navi collegate a Israele sono state prese di mira negli ultimi mesi  nel mezzo di una guerra ombra tra le due nazioni. Israele è stato anche sospettato per una serie di gravi attacchi contro il programma nucleare iraniano. Inoltre, l’Iran ha recentemente visto la sua più grande nave da guerra affondare in circostanze misteriose nel vicino Golfo di Oman.

L’attacco di giovedì arriva tra le crescenti tensioni sul logoro accordo nucleare iraniano e mentre i negoziati sul ripristino dell’accordo si sono fermati a Vienna. La serie di attacchi navali sospettati di essere stati effettuati dall’Iran è iniziata un anno dopo che l’allora presidente Donald Trump ha ritirato unilateralmente l’America dall’accordo nel 2018.

L’attacco a Mercer Street è arrivato anche la notte dopo che il segretario di Stato americano Antony Blinken, parlando dal Kuwait, ha avvertito l’Iran che i colloqui a Vienna sull’accordo nucleare “non possono andare avanti all’infinito”.

Questa è la seconda volta questo mese una nave legata a Ofer viene presa  di mira, secondo l’amministrazione marittima degli Stati Uniti all’inizio di luglio, la nave portacontainer battente bandiera liberiana CSAV Tyndall, un tempo legata alla Zodiac Maritime, ha subito un’esplosione inspiegabile a bordo mentre si trovava nel nord dell’Oceano Indiano.

Foto Vessel  Finder petroliera  Mercer Street

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments