-1.7 C
New York
giovedì, Gennaio 27, 2022
spot_img

BAE Systems, “cercatori” avanzati per il missile antinave Lockheed Martin LRASM

Il cercatore comprende sensori a lungo raggio e puntamento per trovare e attaccare navi nemiche protette nel mezzo di tentativi di inceppare o falsificare il missile.

Esperti  guida  munizioni presso il segmento dei sistemi elettronici BAE Systems  forniranno missili di nuova generazione cercatori per il missile antinave a lungo raggio (LRASM) in base a un contratto da 117 milioni di dollari della Lockheed Martin Corp.

Il cercatore comprende sensori a lungo raggio e tecnologia di puntamento che aiutano il missile furtivo a trovare e ingaggiare navi nemiche protette durante i tentativi di inceppare o falsificare il missile, affermano i funzionari di BAE Systems.

LRASM può essere utilizzato contro bersagli nemici ad alta priorità come portaerei, navi da trasporto truppe e incrociatori missilistici. Finora BAE Systems ha fornito più di 50 cercatori LRASM che hanno dimostrato prestazioni tecniche in diversi test.

A seguito dei miglioramenti del design  BAE Systems sta producendo cercatori di nuova generazione per i lotti LRASM 4 e 5 che sono più capaci e più facili da produrre, con processi di produzione meno complicati. I ricercatori di nuova generazione hanno sostituito le parti obsolete e con disponibilità limitata per ridurre i costi del sistema.

Il contratto missilistico anti-nave LRASM supporterà i missili per la Marina, l’Aeronautica e gli alleati degli Stati Uniti.

Il cercatore LRASM di BAE Systems utilizza la fusione dei sensori per unire le informazioni dal radar di bordo del missile, la guida semi-autonoma, la navigazione satellitare GPS (Global Positioning System), i collegamenti di rete tattici sicuri ad alta velocità e i sensori vicini per colpire obiettivi di alto valore da lungo raggio evitando il controfuoco dei missili di bordo.

Il sensore di guida missilistica utilizza una guida semi-autonoma e dati di indicazione del bersaglio per individuare e attaccare i bersagli con precisione e ridurre la dipendenza da velivoli di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) aviotrasportati, collegamenti di rete e navigazione GPS.

I progettisti di BAE Systems stanno anche lavorando per rendere il sistema di ricerca più piccolo, più capace e più efficiente da produrre.

LRASM è un progetto congiunto della US Defense Advanced Projects Agency (DARPA) ad Arlington, Virginia, della Marina e dell’Aeronautica militare per progettare un missile antinave avanzato che può essere lanciato dalla Marina F/A-18E/F Super Bombardiere da caccia Hornet, nonché dal bombardiere strategico a lungo raggio Air Force B-1B Lancer.

In futuro LRASM verrà lanciato anche dal caccia da attacco congiunto F-35 Lighting II, nonché dal sistema di lancio verticale di bordo della Marina Mark 41.

Il missile viaggia ad alte velocità subsoniche e probabilmente lascerà il posto in futuro alle attese nuove generazioni di missili ipersonici. Sono allo studio versioni lanciate da sottomarini.

LRASM è progettato per rilevare e distruggere bersagli ad alta priorità all’interno di gruppi di navi da distanze estese in ambienti di disturbo della guerra elettronica. Si tratta di un missile a guida di precisione anti-nave basato sul Lockheed Martin Joint Air-to-Surface Standoff Missile-Extended Range (JASSM-ER).

Lockheed Martin progetta LRASM da 11 anni, principalmente sotto la supervisione della DARPA. Il missile antinave avanzato è destinato a sostituire il vecchio missile antinave Harpoon. Ha un sensore a radiofrequenza multimodale, un nuovo collegamento dati dell’arma e un altimetro e un sistema di alimentazione potenziato.

Il LRASM può essere guidato verso le navi nemiche da una distanza fino a 200 miglia nautiche dal suo aereo di lancio, può ricevere aggiornamenti tramite il suo collegamento dati o può utilizzare i sensori di bordo per trovare il suo obiettivo volerà  a media quota, quindi scenderà a bassa quota per un approccio di sfioramento del mare per contrastare le difese antimissile a bordo della nave.

Il LRASM utilizza sistemi di puntamento di bordo per acquisire il bersaglio in modo indipendente senza la presenza di servizi di intelligence o di supporto come la navigazione satellitare e i collegamenti dati del Global Positioning System (GPS). Lockheed Martin sta progettando un missile con contromisure avanzate per eludere i sistemi di difesa attivi ostili.

Il Lockheed Martin LRASM ha un penetratore da 1.000 libbre e una testata a frammentazione esplosiva, un sensore multimodale, un collegamento dati arma e un sistema di posizionamento globale anti-inceppamento digitale avanzato per rilevare e distruggere bersagli di superficie selezionati all’interno di gruppi di navi.

Lo sviluppo di LRASM è in risposta a una lacuna nella tecnologia missilistica anti-nave della Marina identificata nel 2008. Il missile anti-nave standard della Marina è l’Arpoon subsonico, che è nell’inventario dal 1977.

Da quando LRASM ha iniziato lo sviluppo più di dieci anni fa, i missili da crociera ipersonici in grado di volare a una velocità cinque volte superiore a quella del suono sono diventati una delle massime priorità del Pentagono. Una soluzione  per limitare i numeri della produzione complessiva di LRASM.

FotoMilitary&Aeorspace Electronics

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli