domenica, Settembre 26, 2021
HomeScienze e TecnologiaL'industria aeronautica commerciale vuole diventare supersonica e super "verde"

L’industria aeronautica commerciale vuole diventare supersonica e super “verde”

Il futuro dei viaggi aerei sembra essere sia più rispettoso dell’ambiente che più veloce poiché l’industria cerca di bilanciare la domanda dei consumatori insieme agli obiettivi ambientali.

Airlines for America (A4A), l’organizzazione commerciale del settore che rappresenta le principali compagnie aeree statunitensi, ha annunciato l’impegno dei suoi vettori membri a lavorare in tutto il settore dell’aviazione e con i leader di governo in partnership, positiva per raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050. Il settore dell’aviazione europeo ha annunciato lo stesso obiettivo, definito “Destinazione 2050”.

I membri di A4A includono Alaska Airlines, American Airlines, Atlas Air, Delta Air Lines, FedEx, Hawaiian Airlines, JetBlue Airways, Southwest Airlines, United Airlines e UPS. Air Canada è un membro associato.

I vettori A4A si sono impegnati a collaborare con il governo e altre parti interessate per l’espansione della produzione e della distribuzione di carburante per aviazione sostenibile (SAF) commercialmente redditizio per rendere disponibili 2 miliardi di galloni di SAF agli operatori aerei statunitensi nel 2030.

Questa primavera, il quartetto francese di Air France-KLM, Total, Groupe ADP e Airbus ha annunciato di aver unito le forze per completare il suo primo volo a lungo raggio alimentato da SAF.

Il biocarburante SAF utilizzato per questo volo è stato ottenuto da rifiuti e residui provenienti dall’economia circolare. Total ha prodotto il SAF da olio da cucina usato nella sua bioraffineria di La Mède nel sud della Francia e nello stabilimento di Oudalle vicino a Le Havre, senza utilizzare olio vegetale vergine.

La legislazione francese prevede che gli aeromobili utilizzino almeno l’1% di SAF entro il 2022 per tutti i voli provenienti dalla Francia, in vista di un piano per aumentare gradualmente fino al 2% entro il 2025 e al 5% entro il 2030, come parte del Green Deal europeo.

Secondo una ricerca condotta dalla NASA e dal Centro aerospaziale tedesco (DLR), i carburanti per jet a combustione più pulita realizzati da fonti sostenibili possono produrre dal 50% al 70% in meno di scie di ghiaccio a quota di crociera, riducendo l’impatto dell’aviazione sull’ambiente.

“Sappiamo che la formazione di scie dagli scarichi dei jet ha un impatto più ampio e immediato sul clima rispetto alle emissioni di anidride carbonica”, ha affermato Richard Moore, scienziato della NASA presso il Langley Research Center in Virginia. “Questa ricerca mostra che abbiamo l’opportunità di utilizzare combustibili alternativi per apportare cambiamenti immediati che potrebbero aiutare il pianeta”.

Questa primavera, Alaska Airlines e SkyNRG Americas hanno annunciato la firma di un memorandum d’intesa (MOU) che si impegna a incrementare gli investimenti in SAF.

In base al MOU, SkyNRG Americas si concentrerà inizialmente sullo sviluppo di impianti di produzione SAF dedicati per rifornire gli aeroporti degli Stati Uniti occidentali.

Queste strutture utilizzeranno tecnologie disponibili in commercio che consentono l’uso di rifiuti solidi urbani e altri input a base di rifiuti come materie prime, oltre a incorporare idrogeno verde ed energia rinnovabile per ridurre al minimo l’intensità di carbonio.

A giugno, GKN Aerospace, con sede a Redditch, nel Regno Unito, ha annunciato di essere alla guida di un programma di collaborazione nazionale svedese chiamato H2JET, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni tecniche per tre sottosistemi di motori per la propulsione ad H2 di velivoli civili di medio raggio.

Il progetto biennale vede GKN Aerospace collaborare con l’Agenzia per l’energia svedese, la Chalmers University of Technology, l’Università di Lund, il KTH Royal Institute of Technology, l’Università occidentale, gli istituti di ricerca svedesi (RISE) e Oxeon.

Si prevede che l’idrogeno svolga un ruolo nella strategia di decarbonizzazione dell’aviazione in quanto può alimentare gli aeromobili in modo efficiente, lasciando l’acqua come unico sottoprodotto. L’energia può essere generata dalla combustione diretta – l’obiettivo di H2JET – o dalla generazione di energia elettrica a bordo mediante l’uso di una cella a combustibile, l’obiettivo del programma “H2GEAR” di GKN Aerospace lanciato all’inizio di quest’anno.

Bye Aerospace a Englewood, in Colorado, ha trovato clienti per il lancio del suo velivolo a sette posti completamente elettrico. Jet It e JetClub hanno annunciato il loro accordo con Bye Aerosapce questa estate.

Jet It e JetClub, consociate operanti rispettivamente in Nord America ed Europa, hanno firmato un contratto di acquisto per una flotta di eFlyer 800 e quattro eFlyer 4. Jet It opererà la prima flotta di velivoli elettrici in Nord America.

Previsto per essere operativo entro il 2025, l’eFlyer può ospitare fino a sette passeggeri e uno o due piloti. L’eFlyer ha una velocità di crociera di 320 nodi e un soffitto di 35.000 piedi.

Il 18 giugno, Boeing con sede a Chicago ha annunciato che il suo 737-10, il più grande aereo della famiglia 737 MAX, ha completato con successo il primo volo.

“L’aereo si è comportato magnificamente”, ha detto il capo pilota del 737, il capitano Jennifer Henderson. “Il profilo che abbiamo volato ci ha permesso di testare i sistemi dell’aereo, i controlli di volo e le qualità di manovrabilità, che sono stati tutti esattamente come ci aspettavamo”.

Il 737-10 può trasportare fino a 230 passeggeri. Incorpora anche miglioramenti ambientali, riducendo le emissioni di carbonio del 14% e riducendo il rumore del 50% rispetto agli odierni 737 Next-Generation.

Airbus, con sede a Leiden, nei Paesi Bassi, ha annunciato a luglio di aver consegnato il primo A350 dal suo centro di completamento e consegna widebody a Tianjin, in Cina.

Il centro è stato inaugurato nel settembre 2017 per la produzione di A330. Poi, durante la visita del presidente francese Emmanuel Macron in Cina nel 2019, un Memorandum d’intesa sull’ulteriore sviluppo della cooperazione industriale è stato firmato a Pechino da He Lifeng, presidente della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma (NDRC) della Cina, e Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus, annunciando che il C&DC estenderà la sua capacità agli aeromobili A350.

Per quasi 20 anni, i viaggi aerei commerciali sono stati mantenuti al di sotto della velocità del suono, che è 761,2 MPH. Boeing ha affermato di avere il jet commerciale più veloce nel suo 747-8I, che vanta una velocità massima di Mach 0,86 – o quasi 660 MPH – quando il decantato Concorde è stato ritirato nel 2003. L’Aérospatiale/BAC Concorde ha volato il doppio della velocità suono.

A giugno, United Airlines, con sede a Chicago, ha annunciato che sarebbe diventata supersonica entro la fine del decennio. United ha annunciato di aver acquistato 15 velivoli Boom Overture che dovrebbe venir lanciato nel 2025 con il primo volo previsto per il 2026 e la consegna prevista per il 2029, ospiterà da 65 a 88 passeggeri. A 205 piedi di lunghezza, l’Ouverture navigherà a 60.000 piedi a Mach 1,7 e ha un’autonomia di 4.250 miglia nautiche.

United detiene anche un’opzione per l’acquisto di altri 35 velivoli. Le aziende lavoreranno insieme per soddisfare i requisiti operativi prima della consegna. Una volta operativo, Overture dovrebbe essere il primo grande aereo commerciale ad essere ottimizzato per funzionare con SAF al 100% il primo giorno.

Il 18 maggio, il volo 342 di Air France è decollato dal Terminal 2E dell’aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle per Montreal con i suoi serbatoi riempiti per la prima volta con carburante per aviazione sostenibile prodotto negli stabilimenti francesi di Total.

Foto Intelligent&Aerospace

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments