domenica, Settembre 26, 2021
HomeTrasportiCosta Crociere ridimensiona l’organico ma mette in mare due navi

Costa Crociere ridimensiona l’organico ma mette in mare due navi

Nel “contratto di espansione” sottoscritto ieri al Ministero del Lavoro da Costa Crociere e dalle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Ulitrasporti, la compagnia di navigazione genovese sia travagliato e il futuro incerto e bisognoso di ritocchi su vari fronti a causa della pandemia.

Costa Crociere con  2.313 dipendenti fra amministrativi e marittimi ha proposto  alle organizzazioni sindacali che hanno accettato  un’accordo che favorisce i  piani di esodo nelle grandi aziende.

La compagnia genovese ha dichiarato di avere in programma una ristrutturazione del reparto commerciale che sottoporrà ai dipendenti che ne abbiano i requisiti anagrafici e contributivi, con la possibilità di anticipare il pensionamento per un “numero complessivo massimo di 30 risorse che cesseranno il rapporto di lavoro entro il 30 novembre 2021”.

Intanto sul fronte navale Costa si prepara mettere in servizio la Costa Atlantica che batterà bandiera delle Bahamas e a ottobre la Costa Mediterranea, le due navi destinate a costituire la flotta di Cssc Carnival Cruise Shipping Limited, la compagnia crocieristica nata come joint venture tra Carnival Corporation (controllante della stessa Costa) e il gruppo cinese China Satte Shipbuilding Corporation (Cssc).

Per quanto riguarda gli equipaggi fonti sindacali riferiscono che non ci saranno perdite di posti di lavoro né di salario, dato che si prevede per il personale la possibilità di passare a Cssc alle medesime condizioni nonché quella di essere reimpiegati sulla Costa Toscana, in consegna a fine anno dai cantieri Meyer di Turku.

Bocciato il progetto Zena Cruise Terminal, che, col supporto dell’Autorità di Sistema Portuale di Genova, Costa Crociere avrebbe dovuto realizzare nel capoluogo ligure a Calata Gadda. L Autorità ’ pochi giorni fa ha escluso l’opera da quelle previste dal piano straordinario delle opere per il porto previsto dal ‘decreto Genova’ a seguito del crollo di ponte Morandi.

Nella foto la Costa Atlantica

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments