Anche la Cina è flagellata da piogge torrenziali che stanno causando gravi inondazioni in diverse zone delle regioni centrali, anche se il bilancio è destinato a crescere nelle prossime ore.

Oltre 20.000 persone nella provincia di Henan, riferisce la Bbc, sono state evacuate nei rifugi a seguito delle precipitazioni record. Almeno 18 persone sono morte nella città di Zhengzhou dall’inizio dell’alluvione, hanno confermato le autorita’ locali.

Più di una dozzina di città sono state colpite con la chiusura delle strade principali e la cancellazione dei voli. La provincia di Henan, circa 94 milioni di abitanti, ha emesso il più alto livello di allerta meteo dopo una stagione delle piogge insolitamente attiva.

Le immagini circolanti sui social media mostrano intere strade sommerse, con auto e detriti lasciati alla deriva nelle acque alluvionali in rapido movimento.

Si teme anche che una diga nella città di Luoyang possa crollare dopo essere stata danneggiata dalle recenti tempeste.

I soldati sono stati dispiegati nell’area e un comunicato dell’esercito ha avvertito che potrebbe “crollare in qualsiasi momento”. Martedì sera, l’unità regionale dell’Esercito popolare di liberazione (Pla) ha spiegato che una breccia di 20 metri si è formata nella diga Yihetan a Luoyang, città di circa sette milioni di persone sempre nell’Henan, con il rischio “di crollo in qualsiasi momento”. Il Central theatre command della Pla ha dichiarato di aver inviato soldati per effettuare una risposta di emergenza, tra cui esplosioni e deviazioni delle inondazioni.

A Zhengzhou, riprese video non verificate hanno mostrato passeggeri nei vagoni della metropolitana allagati con l’acqua che raggiungeva le spalle.

Foto MeteoWeb

AGC GreenCom 21 Luglio 2021 13:00