È stata presentata oggi, sul tracciato di Silverstone, l’auto da Formula 1 sul cui design tutti i team s’ispireranno a partire dal 2022, anno di grandi cambiamenti nel regolamento al fine di aumentare la competizione e diminuire il gap tra le scuderie.

Colpisce soprattutto la semplificazione dell’aerodinamica: il musetto – simile a quello delle Formula 2, ma più schiacciato – ora è un tutt’uno con le ali anteriori, quella posteriore è stato resa meno complessa con l’eliminazione totale dei bargeboards, e si conta anche quella delle varie appendici che caratterizzavano le vetture fino ad oggi. Una conformazione che possa facilitare i sorpassi e permettere dunque duelli più avvincenti, che farà molto affidamento sul lato della tenuta di strada al fondo delle macchine, ora pensato per consentire l’effetto suolo, riproducendo in tutto e per tutto le minigonne che avevano caratterizzato le Formula 1 degli anni Settanta-Ottanta.

Aumenta inoltre il peso delle vetture, portato a un minimo di 790 kg senza carburante a bordo, mentre le gomme vedranno crescere le loro dimensioni da 13 a 18 pollici, rendendole più in linea con quelle sul mercato.

“Abbiamo dovuto completamente rivedere le gomme sia come design che come costruzione per permettere ai piloti di spingere senza preoccuparsi del degrado”, sono le parole di Mario Isola di Pirelli, fornitrice ufficiale degli pneumatici di tutte le scuderie.

I piloti hanno dimostrato un generale apprezzamento nei confronti dei nuovi regolamenti, augurandosi che possano garantire maggiori battaglie in pista.

Foto F1

AGC GreenCom 15 Luglio 2021 17:15