L’Aston Martin Valhalla rappresenta un punto di svolta per la casa automobilistica britannica, una rottura rispetto al passato.

Un’hypercar plug-in ibrida come non si era mai vista per il marchio inglese, dotata di un motore biturbo V8 da 4 litri da 750 cv a 7200 giri al minuto, si vocifera AMG – grazie alla collaborazione con Mercedes-AMG, che si estende pure in Formula 1 – e un’unità elettrica da 204 cv per una potenza complessiva di 950 cv a 1.000 Nm. Il cambio è automatico a doppia frizione con 8 rapporti, e l’accelerazione permette all’auto di passare da 0 a 100 km/h in 2,5 secondi, con una velocità di punta di 330 km/h.

Il telaio in fibra di carbonio alleggerisce la vettura, facendole raggiungere un peso di soli 1.550 kg, e la conformazione aerodinamica genera un carico da 600 kg a 240 km/h.

Numeri che puntano a far battere alla Valhalla l’importante record sul giro di 6:38.840 stabilito dalla Porsche 911 GT2 RS sul leggendario tracciato del Nurburgring Nordschleife, che rappresenterebbe la perfetta pubblicità per questo nuovo modello.

Foto Aston Martin

AGC GreenCom 15 Luglio 2021 19:30