L’assemblea Assogasliquidi-Federchimica “Scenari di decarbonizzazione e sostenibilità: il ruolo dei gas liquefatti Gpl e Gnl” ha fatto emergere dati importanti per il gas naturale liquefatto (Gnl), i cui consumi in Italia sono aumentati del 23% nel 2020 per un volume di circa 131.000 tonnellate, in particolar modo per il trasporto terrestre pesante, con oltre 88.000 tonnellate consumate – circa il 67% del totale –.

L’Italia risulta inoltre il primo Paese per distribuzione di punti vendita di Gnl in Europa, 102. La flotta di mezzi terrestri circolanti, inoltre, è arrivata a 3.000 camion immatricolati in Italia (circa +43%) e 500 mezzi transfrontalieri, e nel primo quadrimestre del 2021 si è visto un aumento delle immatricolazioni di nuovi autocarri, 706 per un +84%.

È emerso durante la riunione che per aumentare la diffusione del Gnl, tra le tante cose, è necessario ridurre in Italia i pedaggi autostradali sui mezzi che ne fanno utilizzo, per stare in linea con i Paesi d’Europa che, pur avendo una minore diffusione di punti vendita, applicano già queste esenzioni. Inoltre per ciò che riguarda il trasporto marittimo si è pensato a tariffe portuali per agevolare i mezzi a Gnl e a provvedimenti che incentivino il loro utilizzo.

Foto Federchimica

AGC GreenCom 15 Luglio 2021 18:18