Dopo varie voci di corridoio che parlavano anche di una possibile fine della loro partnership, Alfa Romeo e Sauber Motorsport hanno annunciato la continuazione del loro sodalizio, iniziato nel 2018, per un periodo imprecisato – s’ipotizza fino al 2024 –.

Dopo un ottimo inizio, con la scuderia svizzera che nei primi due anni di collaborazione con la Casa del Biscione aveva lottato per le posizioni di metà classifica, la crisi dei propulsori Ferrari, di cui il team si rifornisce, a partire dal 2020 ha spedito l’Alfa Romeo nelle retrovie, e alcuni pensavano che il matrimonio tra le due parti fosse destinato a terminare alla fine del 2021, per permettere alla Sauber di cercare un partner che garantisse risultati migliori – si vociferava la Renault –.

Ora che la Ferrari mostra qualche timido segnale di ripresa la squadra elvetica sembra disposta a continuare a usare il marchio Alfa Romeo sulle sue vetture, soprattutto in vista dei cambiamenti regolamentari del 2022, creati al fine di diminuire il gap tra le scuderie.

Frédéric Vasseur, team principal di Alfa Romeo Racing e Managing Director e CEO di Sauber Motorsport AG, ha affermato che la relazione con la casa automobilistica italiana è “veramente importante per la nostra intera compagnia, oltre che sul tracciato”, e che “il lavoro che noi abbiamo fatto nel mondo dell’automotive ha dimostrato l’ampiezza delle capacità tecnologiche e industriali di Sauber Engineering, e siamo fiduciosi di poter continuare a lavorare con Alfa Romeo a nuovi ed eccitanti progetti che modelleranno il futuro dell’industria automobilistica”.

“In quanto storico brand automobilistico italiano, l’Alfa Romeo è nata in pista – ha detto Jean-Philippe Imparato, CEO di Alfa Romeo – Oggi siamo onorati di continuare ad onorare il nostro DNA velocistico ponendolo nel fulcro del futuro del nostro marchio”.

Foto Alfa Romeo Racing ORLEN

AGC GreenCom 14 Luglio 2021 19:55