Un  incidente ha coinvolto una portacontainer in viaggio dall’Asia all’Europa. È la Zephyr Lumos di 15mila teu, che intorno alla mezzanotte (ora locale) del 10 luglio 2021 è entrata in collisione con la rinfusiera Galapagos.

La collisione è avvenuta mentre navigava a 14 miglia nautiche da Kuala Sungai Muar, nello Stretto di Malacca.

Non ci sono vittime, ma entrambe le navi hanno riportato danni che le costringeranno a un fermo prolungato e pare che la Galapagos stia perdendo carburante in mare.

Non si conoscono le cause dell’incidente, su cui stanno investigando le Autorità malesi.
La Zephyr Lumos è stata varata nel 2021 e batte bandiera britannica. È lunga 366 metri e stava navigando dal porto di Singapore verso il Canale di Suez, che avrebbe dovuto attraversare per poi dirigersi verso alcuni porti del Mediterraneo, tra cui quelli di Genova (dove sarebbe dovuta arrivare al terminal Vte il 22 luglio) e La Spezia (dove sarebbe dovuta arrivare al terminal Lsct il 25 luglio).

Gli operatori italiani che attendono container imbarcati su questa nave devono quindi aspettarsi un forte ritardo, perché la portacontainer deve arrivare in un porto, scaricare i contenitori, che saranno poi ricaricati su un’altra nave.

La Zephyr Lumos opera sul servizio MD2 della compagnia giapponese One, che ha come capolinea lo scalo sud-coreano di Pusan e quello spagnolo di Barcellona. Nel Mediterraneo tocca anche il Pireo e Fos.

 

Foto Vessel Finder  Zephyr Lumos

AGC GreenCom 13 Luglio 2021 17:40