21.7 C
New York
giovedì, Ottobre 21, 2021

Buy now

spot_img

A Oriente, Express delle merci spiana la strada alla Cina nel 2022


Se ne parlava già nel 2011, ma dopo un avvio in tono minore , il servizio era stato sospeso dopo poche corse. Battuta d’arresto determinata anche dalla scarsa domanda, ma forse perché i tempi non erano ancora maturi.

Ma  nel 2022 dovrebbe ripartire l’ambizioso collegamento della ferrovia Trans-asiatica, un importante tassello della nuova Via della Seta, come alternativa ai collegamenti che interessano il nord Europa.

La ferrovia Islamabad-Teheran-Istanbul si snoda per poco più di 6500 chilometri coinvolgendo tre Paesi: 1990 chilometri in Pakistan, 2600 in Iran e 1950 in Turchia.

Per ragioni geopolitiche questo itinerario evita di attraversare l’Afghanistan, le stesse ragioni geopolitiche che a distanza di una decina d’anni da quel 2011, hanno cambiato la realtà delle relazioni di quest’area geografica con la Cina.

Tutti e tre i Paesi coinvolti hanno raggiunto accordi economici con il gigante cinese e questo fatto ha spianato la strada per la nuova ferrovia.

La trans-asiatica, che qualcuno ha provato a battezzare come l’Orient Express delle merci, può conquistare un suo spazio nelle relazioni tra la Cina e l’Europa.

I treni percorrono l’itinerario tra Islamabad e Istanbul in dodici giorni, un tempo nettamente concorrenziale rispetto al viaggio via mare dai porti pakistani, come quello di Gwadar che ha conosciuto importanti investimenti proprio da parte della Cina.  Il Pakistan Economic Corridor è così uno dei vari anelli inseriti nella catena che compone la Via della Seta.

Gli accordi commerciali tra i Paesi coinvolti hanno anche affrontato il tema dei controlli doganali e dei dazi all’interno del nuovo spazio commerciale.

Resta qualche ostacolo burocratico da superare, ma la strada è tracciata. Dalla Turchia, il corridoio trans-asiatico può collegarsi con le reti europee attraverso la ferrovia Marmaray di 76 chilometri che comprende il moderno tunnel sotto lo stretto del Bosforo.

E questo è un motivo ulteriore per offrire ad Ankara un ruolo geopolitico sempre più di primo piano.

Foto Corriere ortofrutticolo

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
2,990FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles