È nata oggi presso la Sala del Consiglio del Palazzo della Prefettura a Ca’ Corner la Fondazione ”Venezia capitale mondiale della sostenibilità”, frutto di un’idea di Snam, che punta alla crescita del capoluogo veneto attraverso l’innovazione tecnologica e lo sviluppo, in particolare dal punto di vista energetico. A presentarla oggi i ministri dell’Economia, Daniele Franco, e per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, assieme ad enti e realtà come Snam, Assicurazioni Generali, Confindustria Veneto, Università di Ca’ Foscari, Eni, Boston Consulting Group, Iuav, Accademia di Belle Arti, Conservatorio Benedetto Marcello e Fondazione Giorgio Cini.

Tutto ciò comporterebbe importanti ripercussioni su Venezia, come 15mila nuovi posti di lavoro e circa 12mila nuovi residenti e una crescita del Pil fino a 10 miliardi di euro.

Marco Alverà, Ceo di Snam, ha sottolineato che “serve una Fondazione che scarichi a terra i progetti per il vene della città, per renderla sostenibile sia ecologicamente che dal punto di vista sociale”. La sostenibilità è un tema su cui si concentra Alverà, che afferma: “La sostenibilità oggi significa ASG, ossia ambiente, sociale e governance. Su questi grandi temi saranno misurate le aziende, alcune andranno bene a altre male. Non solo in base ai profitti. Ad oggi, ci sono 70 triliardi di capitali pronti ad investire in ASG e questi diventano improvvisamente la più grande opportunità di sviluppo che abbiamo mai visto”.

Foto Snam

AGC GreenCom 12 Luglio 2021 17:49