La polizia in Bangladesh ha arrestato otto persone sabato con l’accusa di omicidio in relazione a un incendio in una fabbrica che ha ucciso almeno 52 persone, molte delle quali sono rimaste intrappolate all’interno a causa di una porta chiusa illegalmente, ha detto un alto funzionario di polizia.

L’incendio è iniziato giovedì sera 8 luglio nello stabilimento di cinque piani della Hashem Foods Ltd. a Rupganj, appena fuori dalla capitale

Dacca. La polizia ha scoperto pile di corpi venerdì pomeriggio dopo che l’incendio è stato spento. “Li abbiamo arrestati con l’accusa di omicidio”, ha detto per telefono all’Associated Press Jayedul Alam, sovrintendente di polizia per il distretto di Narayanganj, “Sono in nostra custodia ora”.  

Il ministro dell’Interno Asaduzzman Khan ha affermato che tra gli arrestati c’è l’amministratore delegato del gruppo Sajeeb, che possiede la fabbrica. Il ministro non ha fornito ulteriori dettagli, ma ha detto che i responsabili sarebbero stati puniti. “È un omicidio”, ha detto Khan ai giornalisti mentre visitava il sito della fabbrica. Sabato il tribunale di Dacca ha disposto per tutti gli otto sospetti di rimanere in custodia della polizia quattro giorni per l’interrogatorio.

Foto Sajeb Group

AGC GreenCom 10 Luglio 2021 19:00