“La grande difficoltà della Regione è quella di smaltire gli scarti di lavorazione degli impianti. Quotidianamente, come accaduto stamane coi sindaci della Piana, stiamo lavorando sui territori per fronteggiare una situazione particolarmente delicata. Stiamo facendo fronte al nostro fabbisogno di 480 tonnellate al giorno su tre impianti. Alla Regione abbiamo chiesto la possibilità di conferire una parte della nostra produzione di scarti, circa 120 tonnellate al giorno presso la discarica Lamezia”. Così il consigliere metropolitano di Reggio Calabria Salvatore Fuda delegato all’Ambiente, intervenendo oggi nel corso dei lavori del Consiglio metropolitano.

“Il confronto con la Regione – ha aggiunto – è costante e continuo. Il resto degli scarti, invece, andranno in Sicilia, in Puglia e a Mantova per un totale di 3.000 tonnellate. Intanto, dopo il 19 luglio, potranno iniziare i lavori di efficientamento dell’impianto di Siderno danneggiato, in passato, da un incendio”. Fuda ha specificato poi che “le difficoltà maggiori si potranno avere sullo smaltimento del rifiuto umido considerato che, proprio oggi, abbiamo avuto una riduzione sul deposito di quantitativi nell’impianto privato di Vazzano. Tuttavia – ha specificato – la nostra attività si è concentrata sulla possibilità di trasferire i rifiuti verso Puglia grazie ad una forte relazione di solidarietà fra l’amministrazione metropolitana di Reggio Calabria, il sindaco Giuseppe Falcomatà ed il presidente della Regione Puglia Michel Emiliano dove conferiremo 200 tonnellate giornaliere fino a settembre”. Novità sono emerse, ancora, sull’efficientamento dell’impianto di Gioia Tauro con la firma della convenzione da parte della Regione. “Adesso – ha detto Fuda – aspettiamo il decreto per poter mandare a gara la gestione degli impianti di Siderno e Gioia ed i lavori sul termovalorizzatore”.

AGC GreenCom 9 Luglio 2021 20:16