23 C
New York
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_img

Garrè (Sgdp): Aumenta richiesta demolizioni navali. Ma Turchia molto competitiva

“La pandemia di Covid 19 ha creato un’accelerazione e ha fato aumentare la richiesta di demolizioni navali. Soprattutto nel settore crociere”.

Lo spiega a shippingitali.it  Ferdinando Garrè, amministratore delegato di Genova Industrie Navali (GIN) e di San Giorgio del Porto, il cantiere che si appresta a smantellare l cementiera (Mar Grande), la nave cisterna (Theodoros) e la general cargo (Sentinel) che dopo 10 anni di pastoie burocratiche e di abbandono in banchina   verranno finalmente smantellate da San Giorgio in 3 mesi.

“Oggi festeggiamo un nuovo lavoro di ship recycling dopo il primo intervento portato a termine sul relitto della Costa Concordia – aggiunge Garrè-. È stato un importante lavoro di gruppo portato a termine da tutto il sistema Genova. Spero che questa operazione di ship recycling, secondo le ultime norme europee, sia la prima di molte”.

San Giorgio del Porto è uno dei pochissimi stabilimenti nel Mediterraneo che figurano nell’elenco dei siti classificati dall’Europa fra quelli rispondenti agli standard imposti proprio dal regolamento  sul ship recycling.

Nel Mediterraneo gli altri sono in Turchia e la concorrenza per il competitor italiano è impari: “In Italia per essere competitivi dobbiamo chiedere dei contributi economici mentre i cantieri turchi pagano gli armatori per avere navi da demolire. Perché? Uno dei motivi è sicuramente il costo della manodopera ma non è l’unico” risponde  Garrè e  aggiunge: “C’è una legge europea sul ship recycling che poi ogni Paese recepisce a modo suo. Posso dire che nel nostro Paese certamente la gestione e lo smaltimento dei rifiuti è più complicata e costosa che altrove”.

A questo proposito l’AD di San Giorgio del Porto ha voluto sottolineare la scelta di Italcementi, società proprietaria fino a un paio d’anni fa della nave Mar Grande, che dal porto di Taranto ha scelto di far rimorchiare lo scafo fino a Genova e non in Turchia per lo smaltimento “rinunciando evidentemente a un vantaggio economico pur di farla smaltire con gli standard italiani”.

Il porto di Genova, e in futuro anche quello di Piombino (anche il cantiere Piombino Industrie Marittime partecipato al 50% da San Giorgio del Porto ha chiesto infatti di essere iscritto nell’elenco dei cantieri di demolizione riconosciuti  dall’Europa), attende di poter ricevere altro naviglio da smaltire non appena entreranno in vigore le norme previste dall’ultima Legge di Bilancio che garantisce un contributo allo smaltimento dei relitti abbandonati in vari scali italiani.

Foto GIN

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli