23 C
New York
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_img

Per il G20 Draghi forse annuncio per navi da crociera a Venezia

Se  per una decina d’anni si consentirà alle navi da crociera di continuare a navigare in Laguna, il Governo Draghi, in vista del G20 in programma a Venezia nei prossimi giorni e pochi giorni dopo della sessione dell’Unesco sul patrimonio mondiale, è ora di una soluzione che soddisfi l’opinione pubblica. L’indiscrezione viene data dal portale specializzato in trasporti marittimi shippingitaly.it.

Nei giorni si è svolta infatti scorsi una riunione d’urgenza di tutti i ministri interessati, sotto il coordinamento del consigliere economico del premier Francesco Giavazzi.

Allo studio ci sarebbe un decreto legge che potrebbe vietare il passaggio davanti a San Marco e nel Canale della Giudecca alle navi superiori alle 40mila tonnellate di stazza lorda, ovvero il limite fissato nel 2012 dal Decreto Clini-Passera, applicabile però solo in caso di soluzione alternativa per raggiungere la Stazione Marittima, oggi inesistente.

L’alternativa potrebbe essere uno stop immediato e uno a partire da ottobre, in modo da consentire la regolare conclusione della stagione già messa in crisi dalla dalla pandemia. A questo fine il Governo stanzierebbe una cifra a risarcimento degli operatori portuali interessati (in primis dal terminalista Vtp) e per favorire l’allestimento dei cosiddetti approdi diffusi (vale a dire l’adeguamento di alcuni terminal commerciali all’accoglienza di passeggeri).

Per questa operazione sarebbe anche prevista la nomina di un commissario (in pole position il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Fulvio Lino di Blasio), che dovrebbe occuparsi anche di portare avanti il progetto di realizzare un nuovo terminal  sul Canale Industriale Nord a Marghera. Attualmente in fase di progettazione di fattibilità tecnico-economica questa nuova stazione marittima dovrebbe costare 62 milioni di euro ed esser pronta nel giro di un paio d’anni.

La Regione Veneto vorrebbe  riportare in auge l’ipotesi di escavo del canale Vittorio Emanuele III, unica soluzione possibile per raggiungere la stazione marittima senza passare da San Marco, finora ritenuta impercorribile per l’impatto di un simile dragaggio sugli equilibri lagunari.  Ipotesi che potrebbe trovare soddisfazione dal Governo Draghi.

Foto Alitritaliani

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli