Entro il 31 agosto, imprese, pubbliche amministrazioni e scuole devono presentare il piano di spostamenti casa-lavoro e casa-scuola (PSCL)  del proprio personale, obbligatorio per realtà con oltre 100 addetti e comuni con più di 50.000 abitanti o in un’area metropolitana nazionale, per poter ottenere i fondi che mette a disposizione il Decreto Sostegni bis per la mobilità sostenibile.

Pin Bike, progetto di Bike to work e car pooling si candida per aiutare aziende, P.A. e istituti scolastici nella predisposizione di tali piani e per l’occasione, estende il suo sistema brevettato e anti frode che certifica gli spostamenti Bike to work (al fine di rilasciare contributi economici da parte delle amministrazioni comunali), anche al car pooling per permettere alle aziende di gestire e incentivare gli spostamenti condivisi da e per il luogo di lavoro.

Il sistema per Smart City si rivolge ora anche a programmi aziendali di auto condivisa, facilitando aziende e scuole che vogliono beneficiare del fondo di 50 milioni messi a disposizione dal Decreto Sostegni bis per la mobilità sostenibile. Pin Bike è attivo in diversi comuni italiani come Bari, Foggia, Pescara e Bergamo, in 11 comuni dell’area metropolitana di Torino e Bologna e presto raggiungerà Istanbul, Tallin e Braga.

Grazie a partnership con aziende del settore, la Pin Bike offrirà corsi di formazione per mobility manager aziendali e la redazione di piani di spostamento casa-lavoro che tengano conto di ogni esigenza aziendale, integrando tutte le modalità di trasporto, auto di proprietà, auto aziendali, bicicletta, bici condivisa in un unico progetto certificato e rendicontabile, documentazione indispensabile per l’accesso ai fondi.

Una volta ottenuti i fondi, l’azienda potrà contare su un sistema integrato di mobilità che prevede un hardware (da montare sulle biciclette, a prova di frodi), un software (app iOS/Android nel caso del carpooling) e un portale Web di monitoraggio (Dashboard) a disposizione del mobility manager/responsabile risorse umane. Per facilitare e velocizzare le operazioni e approfittare di questa straordinaria opportunità. “Siamo in grado di fornire al mobility manager  incaricato uno strumento già pronto”, ha dichiarato Nico Capogna, CEO di Pin Bike.

AGC GreenCom 17 Giugno 2021 20:00