L’eolico sceglie Rimini. Sarà infatti il Palacongressi  della città romagnola ad ospitare il WWEC  (World Wind Energy Conference) in programma dal 28 al 30 giugno 2022.  L’evento organizzato dalla WWEA  (World Wind Energy Association) si terrà per la prima volta in Italia e conferma il ruolo centrale del nostro Paese nel settore, grazie anche al prezioso lavoro di ANEV  (Associazione Nazionale Energia del Vento) e alla leadership di Key Energy, che, insieme ad Ecomondo, è sempre di più l’hub di riferimento internazionale per le energie rinnovabili e la mobilità sostenibile. ANEV e Key Energy hanno fra l’altro da poco prolungato la loro pluriennale e proficua collaborazione fino al 2023.

«Il PNIEC (Piano nazionale Integrato per l’Energia e il Clima) prevede, al 2030, il raddoppio della capacità eolica rispetto a quella installata in Italia oggi che è pari a circa 10 GW oltre all’offshore.», dichiara il Presidente dell’ANEV Simone Togni,  «pertanto il settore eolico darà un importante contributo alla lotta al cambiamento climatico, sia con la realizzazione di nuovi impianti eolici onshore, sia con il rinnovamento degli impianti esistenti; inoltre, grande impulso verrà dall’eolico offshore. In tale contesto la ricerca e lo sviluppo hanno un ruolo centrale, perciò per l’ANEV co-presentare in Italia il WWEC 2022 è motivo di grande orgoglio e soprattutto è un segnale positivo per il comparto nazionale e per il ruolo che occupa a livello internazionale. Oggi più che mai è necessario cogliere le grandi possibilità che il settore eolico offre. Uno sviluppo adeguato delle energie rinnovabili non solo rende il nostro Paese, l’Europa e il mondo meno dipendenti dai combustibili fossili, ma consente di creare nuovi posti di lavoro, ridurre l’impatto ambientale legato al ciclo energetico, creare nuove opportunità industriali e contribuire, dunque, alla crescita economica».

AGC GreenCom 14 Giugno 2021 17:00