E’ stato creato un materiale morbido innovativo, 10mila volte più morbido della gomma convenzionale, potrebbe essere stampato in 3D e utilizzato in diversi ambiti, dalla clinica alla robotica morbida, fino alla produzione di sensori.

Questo il risultato, pubblicato sulla rivista Chemistry of Materials, raggiunto dagli scienziati della University of Virginia School of Engineering, che hanno realizzato un elastomero che potenzialmente è anche in grado di rivoluzionare la chirurgia delle corde vocali. Il team, guidato da Liheng Cai, ha sviluppato una strategia per stampare elastomeri morbidi in 3D utilizzando dei polimeri di gomma e vetrosi in grado di auto-organizzarsi.

Il materiale risultante resta rigido a temperatura ambiente ma fonde ad alte temperature, il che consente di plasmare forme specifiche tramite la stampa 3D. Gli elastomeri possono essere inoltre allungati fino al 600 per cento. “Morbidezza, elasticità e stabilità termica rappresentano i punti di forza di questi elastomeri – afferma Cai – che fanno ben sperare sulle possibili applicazioni future. Ma la nostra soluzione è anche riciclabile al 100 per cento“.

Speriamo che i nostri risultati incoraggeranno lo studio di nuovi materiali morbidi – aggiunge lo scienziato – che potrebbero rivoluzionare non solo l’ambito sanitario, ma anche una serie di dispositivi e strutture adattive come sensori, elettronica sensibile e robotica morbida”.

AGC GreenCom 24 Maggio 2021 19:00