“Quello con i Commissari chiamati a sbloccare le 16 infrastrutture ferroviarie indicate nel primo Decreto sblocca-cantieri, come con il Commissario chiamato a governare la realizzazione della complessa infrastruttura di alta velocità e alta capacità Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi, è stato un primo incontro importante, necessario a fare emergere puntualmente lo stato dell’arte. Un confronto che proseguirà, serrato, anche nei prossimi mesi. Gli investimenti previsti in questo primo Decreto, che dovrà essere seguito quanto prima da un’ulteriore nuova tornata di Commissariamenti, sono rilevanti. Circa 70miliardi, di cui circa 30 destinati ad investimenti nel Mezzogiorno, per opere che i territori e le comunità attendono da tempo con una domanda di qualità, accessibilità, sostenibilità, e noi abbiamo il dovere di rispondere in modo puntuale. Consapevoli peraltro di quanto, su queste come su altre opere finanziate e caratterizzate da progetti definitivi, si sia perso fin troppo tempo. Una sfida a cui siamo chiamati tutti”.

Così la Viceministra Teresa Bellanova che, in forza della delega ricevuta sul “coordinamento funzionale delle attività dei Commissari straordinari per gli interventi ferroviari da realizzare o completare, comprese le attività di informazione e raccordo con le Istituzioni parlamentari”, ha incontrato nelle scorse settimane i Commissari chiamati a presiedere lo sblocco delle opere ferroviarie.

“Un processo complesso”, prosegue la Viceministra, “anche alla luce dei compititi e delle funzioni che ogni Commissario si troverà a ricoprire, e che proprio nel confronto con l’Amministratrice delegata di RFI, dottoressa Vera Fiorani, abbiamo avuto modo di approfondire e puntualizzare, considerando le azioni e il processo già messo in atto da RFI per rispondere nel modo migliore alle indicazioni del Decreto e all’esigenza di procedere in modo rapido, trasparente, efficace.
Per questo è mio intendimento seguire tassello dopo tassello l’evolversi dello stato delle cose, per essere in grado di costruire in tempo reale le soluzioni che dovessero rendersi necessarie.
La rilevanza delle opere e delle infrastrutture è del tutto evidente”, prosegue la Viceministra, “sia per la mole di investimenti messa in gioco che per le ricadute occupazionali.
Tra opere ferroviarie e stradali nei prossimi dieci anni saranno infatti in media circa 70mila i lavoratori coinvolti annualmente, con picchi tra il 2024 e il 2028. Numeri importanti che dimostrano e confermano, come proprio noi diciamo da tempo, quanto fosse necessario già negli anni scorsi sbloccare le opere e gli investimenti rimasti paralizzati.
Adesso, dopo il via libera alla nomina dei Commissari da parte della Corte dei Conti, non ci sono più alibi e io sono certa, dopo aver verificato grande capacità e competenza, oltre che la stessa determinazione e tenacia da parte di tutti i Commissari incontrati e da parte di RFI e dell’intero Gruppo Fs, che si procederà con rigore e passione per garantire alle comunità le opere e le risposte attese”.

 Opere Ferroviarie e Commissari

-Linea Ferrandina-Matera La Martella, Commissario Vera Fiorani;
-Potenziamento tecnologico e interventi infrastrutturali linea Salerno-Reggio Calabria, Commissario Vera Fiorani;
-Chiusura anello ferroviario di Roma, Commissario Vera Fiorani;

-Potenziamento con caratteristiche di AV della direttrice Taranto-Metaponto-Potenza-Battipaglia, Commissario Vera Fiorani;

-Linea AV/AC Brescia-Verona-Padova, Commissario Vincenzo Macello;
-Potenziamento linea Venezia-Trieste, Commissario Vincenzo Macello;

-Raddoppio Genova-Ventimiglia, Commissario Vincenzo Macello;
-Potenziamento Orte-Falconara, Commissario Vincenzo Macello;
-Linea Roma-Pescara, Commissario Vincenzo Macello;

-Potenziamento linea Fortezza-Verona; Commissario Paola Firmi;

-Raddoppio Codogno-Cremona-Mantova, Commissario Chiara De Gregorio;

-Completamento raddoppio Pontremolese; Commissario Mariano Cocchetti;

-Realizzazione delle opere relative alla tratta AV/AC Napoli-Bari, Commissario Roberto Pagone;

-Completamento Raddoppio Pescara-Bari, Commissario Roberto Pagone;

-Realizzazione asse AV/AC Palermo-Catania-Messina, Commissario Filippo Palazzo;

-Linea Palermo-Trapani via Milo, Commissario Filippo Palazzo;

-Terzo Valico, tratta italiana del Corridoio Europeo Reno – Alpi, Commissario Calogero    Mauceri.

 Attribuzioni Commissari Straordinari:

-Assunzione di ogni determinazione necessaria per l’avvio ovvero la prosecuzione dei lavori, anche sospesi

-Eventuale rielaborazione e approvazione dei progetti non ancora appaltati

-Funzioni di stazione appaltante
-Operano in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, con il

rispetto dei principi relativi all’aggiudicazione e l’esecuzione di appalti e concessioni, alla sostenibilità energetica e ambientale, al conflitto di interesse

-Apertura contabilità speciali, per le spese di funzionamento e di realizzazione degli interventi nel caso svolgano le funzioni di stazione appaltante

-Prevista l’eventuale nomina, da parte del Commissario, di un sub-commissario

Nella foto la Viceministro Teresa Bellanova

 

AGC GreenCom 24 Maggio 2021 17:52