Un rapporto Bloomberg ricorda che  le prime esportazioni dei suoi vaccini, rapidamente sviluppati, hanno fornito a Pechino un potente biglietto da visita diplomatico in Africa, Asia, America Latina e Medio Oriente così quel Governo può vantare i propri successi nella lotta contro il virus in tutto il mondo, mentre guadagnano maggiore accesso e influenza nelle capitali più lontane – scrive Bloomberg.

La risposta degli Stati Uniti all’epidemia non è altro che un disastro e un fallimento totale”, ha detto il mese scorso il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, mentre “al contrario, la Cina si è assicurata importanti risultati strategici nella lotta contro il virus”.

L Cina Sulla Cina ha spedito circa 265 milioni di dosi di vaccino Covid, più di tutte le altre nazioni messe insieme, con impegni a fornire ben 440 milioni in più.  Secondo Airfinity Ltd., una società di informazioni e analisi scientifiche le altre potenze leader non hanno tenuto il passo anche se il presidente Joe Biden ha giurato che gli Stati Uniti diventeranno un “arsenale per combattere Covid”.

Infatti la sua amministrazione promette di aumentare la produzione di vaccini statunitensi e donare 80 milioni di dosi all’estero entro la fine di giugno, compresi 20 milioni autorizzati per l’uso negli Stati Uniti – la prima volta che ha condiviso dosi che avrebbe potuto dare agli americani. L’Europa ha fatto meglio, esportando circa 118 milioni di dosi prodotte internamente finora, secondo Airfinity, anche in mezzo alle critiche per un inizio lento della sua campagna di vaccinazione in patria. L’India, nel frattempo, ha esportato quasi 69 milioni di dosi in quasi 100 Paesi fino a quando ha subito la peggiore epidemia del mondo e ha fermato ulteriori consegne.

Dopo aver autorizzato i vaccini di fabbricazione occidentale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente autorizzato il vaccino prodotto dalla cinese Sinopharm Group Co. Un assenso per uno della Sinovac Biotech Ltd. è previsto presto. Questo permetterà ai vaccini cinesi di raggiungere decine di nazioni in via di sviluppo attraverso la Covax, l’iniziativa globale dei vaccini, che è riuscita a spedire solo 68 milioni dei 2 miliardi di dosi che spera di inviare entro la fine dell’anno. “La Cina sarà un partner molto importante nel lungo periodo”, dice Richard Hatchett, amministratore delegato della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, uno dei gruppi che guida Covax.

L’autorizzazione dell’OMS, un’approvazione de facto per i regolatori dei paesi più poveri, potrebbe aiutare a diffondere centinaia di milioni di dosi di shot cinesi. L’impatto dei contributi del paese sarà anche amplificato dall’assenza dell’India, rendendo questo “il momento migliore per la Cina per praticare la diplomazia dei vaccini e per fare più uso del suo vantaggio di first-mover”, dice Yanzhong Huang, un senior fellow per la salute globale al Council on Foreign Relations.

I vicini disperatamente poveri dell’India nell’Asia meridionale sono stati tra quelli presi di mira dalla Cina. Secondo Bloomberg il 27 aprile, lo stesso giorno in cui il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha organizzato un incontro virtuale con le sue controparti in Afghanistan, Bangladesh, Nepal, Pakistan e Sri Lanka, il ministro della difesa nazionale Wei Fenghe era in Bangladesh, impegnandosi a rafforzare la cooperazione militare.

In pochi giorni, i funzionari hanno dato l’approvazione di emergenza al vaccino Sinopharm. Meno di due settimane dopo, l’ambasciatore cinese in Bangladesh ha sorpreso i suoi ospiti con un avvertimento inaspettato: Qualsiasi futura cooperazione con Australia, India, Giappone e Stati Uniti avrebbe inevitabilmente danneggiato i legami della nazione con la Cina.

“Il Bangladesh, che dipendeva dalle dosi indiane, è ora sottoposto alla pressione della Cina sulle sue partnership strategiche con l’estero, nel bel mezzo dei negoziati bilaterali per una grande vendita di vaccini urgentemente necessari”, dice Nicholas Thomas, professore associato presso la City University di Hong Kong e redattore di diversi libri sulla salute globale e la politica estera. “Sarebbe sciocco concludere che l’aiuto e la fornitura di vaccini che la Cina sta ora dando all’Asia e al mondo non si tradurrà in un vantaggio diplomatico a lungo termine”.

L’India riconosce il vantaggio della Cina, ma crede che non sarà duraturo e si aspetta che le sue esportazioni aumentino in pochi mesi, secondo un funzionario del ministero degli esteri di Nuova Delhi che ha chiesto di non essere identificato. Le tattiche di pressione a volte troppo zelanti dei diplomatici cinesi potrebbero anche ritorcersi contro.

Un altro jolly è l’affidabilità delle iniezioni cinesi rispetto a quella degli altri vaccini. L’efficacia del vaccino Sinovac, per esempio, varia notevolmente – dal 50% al 90% – negli studi. Sondaggi globali hanno mostrato che le iniezioni cinesi sono le meno favorite in diversi luoghi. Anche a Hong Kong, solo il 37% ha detto che prenderebbe un vaccino Sinovac, rispetto al 56% per quello della Pfizer Inc. La diplomazia occidentale dei vaccini con colpi più efficaci potrebbe facilmente respingere i guadagni della Cina, secondo Thomas, l’accademico di Hong Kong. Il funzionario di Nuova Delhi dice che l’India rimane un partner di fiducia per i vaccini in tutto il mondo in via di sviluppo e che gli scatti cinesi non sono stati all’altezza delle aspettative.

In tutta l’Africa, le nazioni hanno lottato contro l’esitazione dei vaccini, suggerendo che i vaccini cinesi possono languire in magazzino piuttosto che generare la buona volontà politica che Pechino intendeva.
Eppure, i contributi della Cina saranno cruciali nella corsa per inoculare grandi popolazioni in tutto il mondo in via di sviluppo prima che le epidemie – e le varianti – si diffondano ampiamente. Con le spedizioni di Covax ritardate dal crollo delle esportazioni in India, la Cina potrebbe essere l’unica scelta a breve termine per molti paesi poveri. “La pandemia è iniziata come un momento di Chernobyl per la Cina”, dice Suisheng Zhao, direttore del Centro per la cooperazione tra Cina e Stati Uniti dell’Università di Denver. “È diventata un’opportunità per la Cina di dimostrare al mondo che la sua ascesa non può essere fermata”.

Estratto da   Start Magazine

AGC GreenCom 23 Maggio 2021 17:34