L’Unicef ha consegnato ieri nella Striscia di Gaza 18 container di forniture umanitarie salvavita. Gli aiuti nella Striscia di Gaza sono arrivati per assistere bambini e famiglie colpiti dalla recente escalation. Il convoglio organizzato dall’Unicef con il supporto del cluster logistico per conto di altre agenzie umanitarie ha consegnato 12 container di forniture mediche, che includono un container con kit di primo soccorso; due contenitori di 2.000 sacche di sangue triplo, soluzione salina-glucosio; un contenitore con estintori; due contenitori di antibiotici e altri farmaci per il controllo delle infezioni; 10.000 dosi di vaccino Sinopharm COVID-19.

L’agenzia Onu è intervenuta fin dal primo giorno dell’escalation e, con i partner, ha distribuito materiali di manutenzione per l’impianto di desalinizzazione Southern Seawater di Gaza, compreso il carburante per tre giorni per sostenere il generatore e i materiali per il trattamento dell’acqua. Ha fornito forniture mediche, tra cui soluzione salina, glucosio, antiiotici e sali per la reidratazione orale, e generi alimentari per coprire le necessità di 72mila persone. Queste forniture sosterranno la continuità dei servizi di salute materna, neonatale e infantile e per il trattamento dei feriti nella violenza.

-“Siamo estremamente grati che un accordo di cessate il fuoco nella striscia di Gaza sia entrato in vigore alle 2 di venerdi, perché il tributo umano è stato enorme”, ha detto Lucia Elmi, Rappresentante speciale dell’Unicef nello Stato della Palestina. “Questo permetterà alle famiglie di avere una tregua necessaria e permetterà la consegna di aiuti umanitari e di personale molto necessari nella Striscia di Gaza”, ha aggiunto.

AGC GreenCom 22 Maggio 2021 19:40