Il California Air Resources Board (CARB), l’autorità statale della California per la protezione della qualità dell’aria, ha stilato nuove regole che impongono a piattaforme di ride-hailing come Uber e Lyft di effettuare quasi tutte le corse con veicoli elettrici per i prossimi anni. Si tratta del primo regolamento statale del suo genere all’interno degli Stati Uniti, e punta a portare al 90% del totale le miglia percorse da soli mezzi elettrici nei servizi di ride-hailing entro il 2030.

Sebbene Uber e Lyft avessero espresso già in precedenza la loro intenzione di aumentare la loro quota di veicoli 100% elettrici ha comunque avvertito che ci sarà bisogno di aiuti dal governo per permettere la transizione ai conducenti a medio e basso reddito. L’organizzazione senza scopo di lucro Union of Concerned Scientists ha stimato per l’agenzia Reuters che il costo totale dell’operazione dovrebbe raggiungere gli 1,73 miliardi di dollari.

Uber – che ha già annunciato 800 milioni di dollari fino al 2025 per aiutare gli autisti nella transizione verso l’elettrico – e Lyft hanno partnership con società di noleggio e fornitori di stazioni di ricarica per ridurre i costi del passaggio ai veicoli elettrici dei conducenti.

Inoltre Steve Douglas, vicepresidente del gruppo dell’Alliance for Automotive Innovation, ha dichiarato, stando a Reuters, che il CARB deve estendere la sua normativa anche ai servizi di taxi ed altre flotte pubbliche e private.

Foto California Air Resources Board

AGC GreenCom 21 Maggio 2021 19:33