Dopo la battuta d’arresto iniziale, Sanofi ha raggiunto accordi per confezionare o produrre vaccini rivali progettati da Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson.

Il potenziale vaccino COVID-19 di Sanofi e GlaxoSmithKline ha innescato forti risposte immunitarie in tutti i gruppi di età adulta in prove preliminari dopo una precedente battuta d’arresto, aumentando l’ottimismo che il colpo potrebbe unirsi alla lotta contro la pandemia quest’anno.

Dopo due dosi del candidato vaccino, i partecipanti hanno mostrato anticorpi neutralizzanti in linea con quelli trovati nelle persone che si erano riprese dalla malattia, secondo i risultati dello studio di fase 2 pubblicato lunedì. I produttori del farmaco hanno affermato che hanno in programma di iniziare le sperimentazioni e la produzione in fase avanzata nelle prossime settimane e sperano di ottenere l’approvazione normativa per il vaccino prima della fine del 2021.

Le autorità hanno già autorizzato una serie di vaccini COVID-19, anche se gli esperti dicono che ne servono di più poiché le autorità sanitarie di tutto il mondo si affrettano a vaccinare i loro residenti in mezzo a una pandemia che ha già ucciso più di 3,3 milioni di persone e causato il caos economico.

Il vaccino Sanofi-GSK è una parte importante della strategia di vaccinazione dell’Unione europea, ed è stato in particolare sostenuto dal governo del presidente francese Emmanuel Macron. Ma i ricercatori hanno dovuto rivederlo dopo che i primi test avevano prodotto una risposta immunitaria inadeguata nelle persone anziane.

ISanofi-GSK si unirebbe, una volta definitivamente approvato, a una dozzina di vaccini attualmente in fase di sperimentazione in fase avanzata. Le aziende prevedono di produrre fino a 1 miliardo di dosi all’anno e hanno firmato accordi per fornire anche agli Stati Uniti, al Canada e ai paesi in via di sviluppo.

Esperti di salute pubblica affermano che saranno necessari diversi vaccini per porre fine alla pandemia, a causa delle difficoltà nella produzione e distribuzione rapida di dosi sufficienti per vaccinare miliardi di persone.

“Sappiamo che saranno necessari più vaccini, soprattutto perché continuano ad emergere varianti e aumenta la necessità di vaccini efficaci e di richiamo che possono essere conservati a temperature normali”, ha affermato Thomas Triomphe, capo dell’unità vaccini di Sanofi.

I risultati pubblicati lunedì provenivano da uno studio di fase 2 che ha coinvolto 722 volontari di età compresa tra 18 e 95 anni che sono stati reclutati negli Stati Uniti e in Honduras. Il vaccino ha mostrato risultati anticorpali ancora più forti nelle persone che si erano già contagiate con il virus. Sanofi ha affermato che questo lo rende un candidato potenzialmente forte in futuro come somministrazione  di richiamo per coloro che sono già stati vaccinati con prodotti concorrenti.

La sperimentazione in fase avanzata coinvolgerà circa 37.000 partecipanti provenienti da paesi di tutto il mondo, e la società ha in programmadi studiarne l’efficacia contro la variante del virus identificata per la prima volta in Sud Africa, e potenzialmente anche altre.

Foto SANOFI

AGC GreenCom 17 Maggio 2021 17:15