La Commissione Affari Costituzionali del Senato ha rigettato un importante emendamento con cui si introduceva la riduzione o la sospensione dei costi fissi sulle bollette di luce e gas pagati da utenti e negozianti anche in assenza di consumi. Ne dà notizia Consumerismo No profit, che sull’argomento ha lanciato la petizione #STACCALABOLLETTA (firmato finora da circa 44mila cittadini) sfociata in un emendamento al Decreto Aprile a firma del Sen. Gianluigi Paragone (ItalExit).

Il Senato ha ritenuto di bocciare l’emendamento ricorrendo ad una giustificazione tecnica piuttosto generica, ossia “l’improponibilità per estraneità di materia”, trattandosi secondo la Commissione di una richiesta non attinente al tema del decreto in fase di conversione – spiega ConsumerismoCosì facendo il Senato ha ignorato le richieste di circa 44mila cittadini che hanno firmato la petizione volta a chiedere la riduzione dei costi fissi delle utenze di elettricità e gas per le seconde case e per i negozi che abbiano registrato una sensibile diminuzione dei consumi a causa della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per le misure di contenimento anti Covid introdotte dal Governo.

“La battaglia sull’energia è solo all’inizio – afferma il presidente di Consumerismo, Luigi GabrieleInvieremo ora un appello ai Presidenti di Camera e Senato, chiedendo al Parlamento di appoggiare l’emendamento che sarà ripresentato a breve nell’ambito dei prossimi decreti in materia fiscale, trattandosi di una misura di civiltà trasversale e senza connotazione politica, avviata nell’esclusivo interesse di utenti e negozianti danneggiati dalla crisi Covid”.

Per aderire alla petizione #staccalabolletta è sufficiente premere sul questo LINK e seguire le istruzioni sul sito.

AGC GreenCom 16 Maggio 2021 19:00