Il Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili ha deciso di avviare una nuova procedura di gara per la ricerca di altre unità da utilizzare per la quarantena dei migranti. Questa volta la selezione riguarda quattro traghetti, da utilizzare in particolare per il periodo dal 1 giugno al 31 luglio.

Rispetto alle procedure precedenti anche questa volta, la ricerca è orientata verso navi traghetto ro-ro con “disponibilità di un numero di cabine atte ad ospitare da un numero minimo di 300 migranti a un numero massimo di 400 migranti in regime di quarantena”, che abbiano “disponibilità di un numero di cabine singole, comprensive di locale igiene indipendente, pari al 15% dei migranti ospitabili da destinare al personale in assistenza sanitaria oltre all’alloggio per l’equipaggio” e “metri lineari di ponte carico non inferiore a 300 metri”. Anche i corrispettivi (uno a corpo, del valore di 36.000 euro/giorno e uno a misura, 25 euro/ospite/giorno) sono pari a quelli delle gare passate.

Fino ad oggi gran parte di queste procedure avviate dal Ministero si sono concluse con l’assegnazione di contratti a Gnv e la compagnia del gruppo Msc avrebbe fatto il pieno anche per l’ultimo bando per 5 navi pubblicato lo scorso aprile.

Quel bando era stato pubblicato il 19 aprile per il noleggio di 5 navi da impiegare per i migranti soccorsi in mare e assicurava alle Compagnie per il solo noleggio, un corrispettivo giornaliero di 36 mila euro per ciascuna imbarcazione. Complessivamente, a pieno regime, il costo di noleggio per le 5 navi, ipotizzando un’estate calda sul fronte sbarchi, potrebbe arrivare anche a  oltre 7 milioni e 300 mila euro al mese. Che nei 5 mesi del servizio, potrebbe sfiorare una spesa complessiva di poco inferiore ai 37 milioni di euro.

Nella foto nave quarantena CRI

AGC GreenCom 15 Maggio 2021 12:31