L’agenzia Reuters riporta che gli sforzi per fornire rifornimenti di carburante alle aree degli Stati Uniti che devono affrontare carenze causate dall’hakeraggio alla Colonial Pipeline, stanno creando atri problemi  perché gli armatori hanno messo fuori servizio le petroliere battenti bandiera degli Stati Uniti che possono effettuare viaggi costieri.

Il blocco della rete del Colonial Pipeline per contrastare un attacco informatico, ha interrotto quasi metà della fornitura di carburante della costa orientale e ha lasciato alcune parti del sud-est a dover affrontare una grave carenza di benzina e diesel.

Colonial ha  iniziato a riavviarsi mercoledì, ma ha avvertito che ci vorranno diversi giorni prima che la catena di approvvigionamento del carburante torni alla normalità. Intanto  prezzi alla pompa sono saliti ai massimi da sette anni mentre gli automobilisti si affrettano a riempire i serbatoi.

Un modo per alleviare la carenza sarebbe il trasporto di carburante via nave dalle raffinerie sulla costa del Golfo che producono il carburante che normalmente passa attraverso il gasdotto. Le navi potrebbero trasportare il carburante nelle città e negli stati della costa orientale che ne hanno bisogno.

Solo le petroliere battenti bandiera degli Stati Uniti possono effettuare viaggi per il trasporto di merci statunitensi lungo la costa degli Stati Uniti, in base alla legislazione nota come Jones Act.

Secondo i dirigenti della Colonial e le fonti di mercato, molte delle circa 60 navi della flotta di navi cisterna battente bandiera degli Stati Uniti, che comprendono principalmente petroliere e chiatte, sono state messe fuori servizio a causa della bassa domanda prima della chiusura del Colonial Pipeline. Inoltre le petroliere inattive impiegherebbero un minimo di 10 giorni per essere riavviate, ha detto un portavoce della compagnia di navigazione  Overseas Shipholding Group Inc.

“Certamente potremmo riattivare alcune petroliere abbastanza rapidamente se il gasdotto è fermo per un periodo prolungato”, ha detto alla Reuters. L’OSG ha fermato 6 petroliere a causa del Jones Act durante il primo trimestre, ha detto la società agli investitori la scorsa settimana.

Secondo alcune fonti della Reuters, alcuni armatori, hanno chiesto agli aspiranti noleggiatori che cercano una nave “Jones Act”, di sottoscrivere contratti a lungo termine, rendendo difficile una risposta rapida alla crisi. “Per riattivarli, i proprietari hanno chiesto più di un solo viaggio per un paio di mesi di lavoro”, mentre  i proprietari stanno anche cercando una tariffa che renda loro utile portare una nave fuori dal suo ancoraggio dismesso.

È possibile schierare grandi chiatte inattive in tempi relativamente brevi, ha detto una fonte, poiché possono essere trainate e non hanno motori o richiedono molte scartoffie.

Il governo degli Stati Uniti sta valutando la possibilità di rinunciare alle restrizioni del Jones Act in base a misure di emergenza in modo che più navi possano effettuare il viaggio, come già pubblicato ieri da AGC.green com.

Raffinatori e grossisti hanno provvisoriamente assicurato almeno tre navi battenti bandiera straniera nel caso in cui una deroga al Jones Act venga emessa dal governo degli Stati Uniti, ma secondo altre fonti  “Niente si muove, ma è tutto pronto per ogni evenienza”, ha detto un broker navale.

Anche con una deroga al Jones Act e la ricerca di navi internazionali da noleggiare la questione è complicata, infatti solo pochi porti nelle regioni più colpite nel sud-est degli Stati Uniti, come la Florida e Savannah in Georgia, sono in grado di ricevere grandi petroliere.

Secondo gli esperti una volta arrivati ​​i carichi, sarebbe necessaria una flotta di camion per trasportare il carburante dal porto ai centri di domanda nell’entroterra.

I fornitori mirano anche a portare navi nel porto di New York dall’Europa, anche se ci vorrà del tempo per arrivare, e da lì ci vorrà del tempo per spostare il carburante dove è necessario.

Il posto migliore per la consegna di carichi di grandi dimensioni – affermano- è il porto di New York, perché è lì che si imbattono i grandi carichi per l’Europa. Alcuni degli altri non hanno la necessaria infrastruttura “.

AGC GreenCom 13 Maggio 2021 9:27