Jacob Gronholt-Pedersen da Copenhagen riporta per l’agenzia Reuters che

Maersk la più grande compagnia danese di trasporto,  sta accelerando il suo piano per trasformarsi da gigante del trasporto container in una società di logistica integrata dopo le sue ottime prestazioni durante la pandemia. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato della società Soren Skou.

Maersk, che gestisce uno 1 container su 5 di quelli spediti in tutto il mondo, mira ad espandere i suoi servizi logistici terrestri, sperando di ottenere una quota maggiore della catena di approvvigionamento dai clienti come Puma e Walmart.

“Non voglio fissare una data, ma sono certo che la nostra attività di logistica ha il potenziale per diventare una spedizioniere marittimo” ha detto Skou a Reuters in un’intervista.

Mentre la spedizione di container, che ha rappresentato il 73% delle entrate della Compagnia  lo scorso anno, continuerà a essere al centro dell’azienda, i servizi terrestri come le spedizioni dalle fabbriche, i servizi doganali e il magazzino saranno il suo “motore di crescita”.

“La pandemia ha senza dubbio sottolineato il valore per i nostri clienti di fare affari con un’azienda che può assumersi la responsabilità di tutto, dalla fabbrica, alla destinazione finale”, ha detto Skou. Maersk punta a una crescita costante della sua attività logistica superiore al 10% nei prossimi cinque anni, integrata da future acquisizioni che potrebbero essere dell’ordine di 1 miliardo di dollari.

“Vediamo un’enorme opportunità nella logistica terrestre”, ha aggiunto Skou, sottolineando che i suoi 200 maggiori clienti nel trasporto marittimo di container attualmente affidano solo “una frazione molto, molto piccola” della loro logistica terrestre a Maersk.

La scorsa settimana, la società con sede a Copenaghen ha registrato un profitto trimestrale record e si aspetta  che la performance eccezionalmente forte continui per il resto dell’anno, guidata dall’elevata domanda di container per soddisfare un aumento degli ordini.

Skou ha detto agli investitori martedì che si aspettava un ritorno sul capitale investito superiore al 12% dal 2021 al 2025, rispetto a una media del 2,3% nei cinque anni precedenti.

Il focus sulla logistica terrestre potrebbe portare la rivale svizzera MSC a sorpassare Maersk “se MSC finisce per avere più capacità di noi, non è la fine del mondo”, ha detto Skou. “Non è così che pensiamo di essere il numero 1. Il nostro obiettivo è avere un fatturato molto più elevato per container che spediamo.”

Maersk possiede o gestisce circa 710 navi portacontainer con una capacità totale di 4,1 milioni di container e gestisce 66 porti container in tutto il mondo.

Foto Maersk

AGC GreenCom 12 Maggio 2021 16:00