Lo riporta John Keller per Military&Aerospace https://www.militaryaerospace.com.

Esperti missilistici dell’esercito americano chiedono alla Lockheed Martin Corp di costruire più di mezzo miliardo di dollari di missili Hellfire II AGM-114 a guida laser, che possono essere lanciati da aerei con e senza pilota, navi di superficie e militari veicoli terrestri.

I funzionari dell’Esercito Contracting Command a Redstone Arsenal, Alabama, hanno annunciato venerdì scorso un contratto da 663,7 milioni di dollari al segmento Missili e Controllo Incendi Lockheed Martin di Orlando, in Florida, per la fornitura di missili Hellfire II.

L’AGM-114R è l’ultima variante di Hellfire II ed è dotato di cercatori laser semiattivi per sconfiggere molti tipi di bersagli. L’AGM-114R può essere lanciato da diversi tipi di aerei ed elicotteri ad ala fissa, navi di superficie e veicoli militari terrestri.

Hellfire II è anche il missile preferito da diversi tipi di veicoli aerei senza pilota (UAV) come l’MQ-1B Predator, l’MQ-9 Reaper e l’MQ-1C Grey Eagle. Alla fine questi missili potrebbero armare elicotteri senza pilota militari statunitensi.

L’Hellfire II sarà sostituito all’inizio di questo decennio dal missile JAGM (Joint Air-to-Ground Missile) semiattivo con laser e onde millimetriche Lockheed Martin AGM-179  che sostituirà anche i missili BGM-71 TOW e AGM-65 Maverick per il lancio dagli elicotteri d’attacco Apache AH-64 e l’UAV MQ-1C Grey Eagle dell’esercito, l’elicottero MH-60R della Marina e il Corpo dei Marines AH-1Z Elicottero d’attacco Viper.

Il missile Hellfire pesa 106 libbre (C.ca 41 Kg) e ha varianti ad alto potenziale esplosivo progettate per distruggere carri armati e altri veicoli corazzati, e versioni a frammentazione esplosive progettate per distruggere camion, siti di antenne, concentrazioni di truppe nemiche e altri bersagli morbidi.

Il missile AGM-114R Hellfire II Romeo RX utilizza un sistema di guida laser semi-attivo e una testata a manica a frammentazione integrata per attaccare bersagli che in precedenza necessitavano di diverse varianti di Hellfire da distruggere.

Questi missili possono cercare i loro obiettivi autonomamente o con designazione da parte di puntatori laser remoti. Il missile ha un’unità di misura inerziale a tre assi che gli consente di attaccare. L’AGM-114R può essere lanciato da altitudini più elevate rispetto alle varianti precedenti grazie alle sue capacità di guida e navigazione avanzate. Con la sua testata multiuso, il missile può distruggere bersagli duri, morbidi e chiusi.

Sviluppato originariamente come missile anticarro per l’elicottero d’attacco AH-64 Apache dell’esercito, l’Hellfire si trova nella luce riflessa di un designatore laser. Altre versioni di Hellfire sono armi spara e dimentica guidate da radar.

Lo sviluppo del missile AGM-114R Hellfire è diventato necessario dopo che il Pentagono ha annullato il progetto Joint Common Missile (JCM), che doveva sostituire Hellfire, così come il missile aria-terra AGM-65 Maverick.

Foto Military&Aerospace

AGC GreenCom 8 Maggio 2021 14:15