mercoledì, Settembre 22, 2021
HomeAttualitàDeposito rifiuti radioattivi, WWF: superare le grandi lacune

Deposito rifiuti radioattivi, WWF: superare le grandi lacune

Il deposito dei rifiuti radioattivi e del combustibile esaurito è una priorità dalla quale l’Italia non può esimersi se vuole garantire una gestione sicura di questa partita come chiesto dalla Commissione europea. Secondo il WWF, tuttavia, ci sono, però, sei grandi lacune contenute nella documentazione presentata da Sogin per la selezione dei siti idonei che sono state analizzate nelle Osservazioni inviate nei giorni scorsi. Nelle Osservazioni del WWF si parte dalla constatazione che i siti dove sinora sono stati stoccati i rifiuti nel nostro paese, in particolare quelli derivanti dallo smantellamento delle centrali nucleari, non sono idonei, come segnalato dalla Commissione Europea che dopo l’invio della lettera di seconda messa in mora del nostro Paese per la violazione della Direttiva 2011/30/Euratom, stava per deferire l’Italia alla Corte di Giustizia Europea, se non avesse avviato entro 60 giorni le procedere per definire e approvare un programma nazionale per la loro messa in sicurezza. Nell’esaminare la Carta delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) e il Progetto Preliminare del Deposito Nazionale il qualificato gruppo di esperti coinvolti dal WWF ha valutato approfonditamente la documentazione SOGIN, concentrando la sua attenzione sulle caratteristiche tecniche del deposito e sulle 23 aree (localizzate in Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Basilicata), delle 67 prese in esame, che sono state classificate dai proponenti come “Buone” e “Molto Buone”

Esistono 6 macro-limiti della documentazione presentata da SOGIN che mettono in discussione le indagini sin qui compiute: manca completamente una descrizione degli scenari futuri, in particolare considerando gli aspetti geologici/idrogeologici e meteoclimatici, almeno all’orizzonte dei 300 anni (valido per i rifiuti a minore o media attività), fondamentale per capire cosa succederà nel corso del tempo nei vari siti; manca la descrizione dello scenario futuro, sempre all’orizzonte dei 300 anni, di quello che potrà accadere nel Deposito Nazionale a causa degli eventi interni, esterni (naturali) e antropici; devono essere approfonditi e resi coerenti, cosa che sinora non è, i criteri che hanno portato a decidere Approfondimenti ed Esclusioni; è necessario un arricchimento dello studio delle serie storiche che riguardano gli eventi geologici/idrogeologici e meteoclimatici nelle aree considerate; è necessario un chiarimento su quali siano le fonti dei dati, sui piani esistenti, le terminologie e i parametri adottati per descrivere gli aspetti antropici legati alla infrastrutturazione, alla urbanizzazione e alle dinamiche demografiche; deve essere approfondito lo studio sulle componenti naturalistiche, valutando con maggiore accuratezza gli impatti su habitat e specie e sui siti della Rete Natura 2000, tutelati dall’Europa.

La partecipazione, ad oggi, appare monca. Su scelte come queste deve esserci un reale e consapevole coinvolgimento delle amministrazioni e soprattutto delle popolazioni locali, creando una grande occasione di confronto che superi i limiti di una procedura – aperta il 5 gennaio scorso e che si conclude il 5 maggio: è inaccettabile che non sia prevista la partecipazione dei soggetti portatori di interessi qualificati al Seminario Nazionale, strumento fondamentale per discutere ed eventualmente modificare le scelte in corso d’opera. Il WWF ricorda che bisognerebbe anche indagare gli aspetti e gli scenari socioeconomici, fondamentali per le comunità locali, considerati solo marginalmente nell’indagine svolta da SOGIN.

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments