Sono state create strutture a base di idrogel che possono essere stampate in 3D e sono anche in grado di rautoripararsi in caso di lacerazioni. A realizzarli sono stati i ricercatori del team MP4MNT (Materials and Processing for Micro and Nanotechnologies) del Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia del Politecnico di Torino, coordinato dal professor Fabrizio Pirri, hanno dimostrato per la prima volta la possibilità di fabbricare grazie alla stampa 3D attivata dalla luce, degli idrogel con architetture complesse.

La ricerca è stata pubblicata dalla prestigiosa rivista Nature Communication. In realtà, idrogel con proprietà autoriparanti o modellabili in architetture complesse tramite la stampa 3D erano già stati creati in laboratorio, ma in questo caso si tratta di una soluzione che racchiude entrambe le caratteristiche, ovvero la complessità dell’architettura e la capacità di rigenerarsi a seguito di danneggiamenti.

Inoltre l’idrogel è stato realizzato utilizzando materiali disponibili sul mercato, processati mediante una stampante commerciale, rendendo quindi l’approccio proposto estremamente flessibile e potenzialmente applicabile ovunque, con nuove possibilità di sviluppo sia nel campo biomedico che in quello della soft-robotics.

La ricerca è stata sviluppata nell’ambito del progetto di dottorato HYDROPRINT3D, finanziato dalla Compagnia di San Paolo dall’iniziativa “Joint Projects with Top University” e condotta dal dottorando Matteo Caprioli, con la supervisione del ricercatore del DISAT Ignazio Roppolo, in collaborazione con il gruppo di ricerca del professor Magdassi della Hebrew University of Jerusalem (Israele).

“Da diversi anni – racconta Ignazio Roppolo – all’interno del gruppo MP4MNT è stata creata un’unità di ricerca coordinata da me e dalla dottoressa Annalisa Chiappone che si occupa specificatamente di sviluppare nuovi materiali processabili tramite stampa 3D attivata dalla luce. La stampa 3D è in grado di offrire un effetto sinergico tra il disegno dell’oggetto e le proprietà intrinseche dei materiali, permettendo di ottenere manufatti con caratteristiche uniche. Nella nostra ottica è necessario approfittare di questa sinergia per sviluppare al meglio le potenzialità della stampa 3D affinché questa possa veramente diventare un elemento presente nella nostra vita di ogni giorno. E questo studio ricade esattamente nel solco di questa filosofia”.

AGC GreenCom 1 Maggio 2021 15:30