Saipem: l’Assemblea degli azionisti approva il bilancio 2020, nomina il Consiglio di Amministrazione, approva la Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti, autorizza l’acquisto di azioni proprie al servizio dei piani di incentivazione

Il Consiglio di Amministrazione nomina Francesco Caio Amministratore Delegato e Direttore Generale, e valuta i requisiti di indipendenza dei Consiglieri

L’Assemblea degli azionisti di Saipem S.p.A. si è tenuta in data odierna, in sede ordinaria e in unica convocazione, in San Donato Milanese.

L’Assemblea ha approvato il bilancio di esercizio di Saipem S.p.A., che chiude con una perdita di 171.067.387,66 euro, deliberando di ripianare la suddetta perdita dell’esercizio mediante utilizzo della riserva “Utili (perdite) relativi a precedenti esercizi”.

L’Assemblea ha determinato in nove il numero dei Consiglieri, nominando il Consiglio di Amministrazione per gli esercizi 2021, 2022 e 2023 e comunque con scadenza alla data dell’Assemblea che sarà convocata per l’approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2023, così composto:

 

•          Silvia Merlo

•          Francesco Caio

•          Roberto Diacetti

•          Alessandra Ferone

•          Patrizia Michela Giangualano

•          Pier Francesco Ragni

•          Marco Reggiani

•          Paul Simon Schapira

•          Paola Tagliavini

 

Silvia Merlo, Francesco Caio, Alessandra Ferone, Pier Francesco Ragni, Marco Reggiani e Paola Tagliavini sono tratti dalla lista presentata congiuntamente da Eni S.p.A. e CDP Industria S.p.A., la cui partecipazione è complessivamente pari al 43,095% del capitale ordinario Saipem, votata dalla maggioranza degli azionisti che hanno partecipato all’Assemblea.

Roberto Diacetti, Patrizia Michela Giangualano e Paul Simon Schapira sono tratti dalla lista presentata da azionisti la cui partecipazione è complessivamente pari all’ 1,161% del capitale ordinario Saipem, votata dalla minoranza degli azionisti che hanno partecipato all’Assemblea.

In sede di candidatura, Silvia Merlo, Paola Tagliavini, Paul Simon Schapira, Roberto Diacetti e Patrizia Michela Giangualano hanno dichiarato il possesso dei requisiti di indipendenza previsti dall’art. 148, comma 3, del D.lgs. n. 58/1998 (“T.U.F.”), come richiamato dall’art. 147-ter comma 4 del T.U.F. e dalle raccomandazioni del Codice di Corporate Governance, cui Saipem aderisce.

L’Assemblea ha quindi nominato Silvia Merlo Presidente del Consiglio di Amministrazione, su proposta congiunta degli azionisti Eni S.p.A. e CDP Industria S.p.A.

Il curriculum vitae dei nuovi Consiglieri è disponibile sul sito internet della Società all’indirizzo www.saipem.com, (sezione “Governance – Assemblea degli Azionisti”).

L’Assemblea ha quindi determinato, su proposta congiunta degli azionisti Eni S.p.A. e CDP Industria S.p.A., il compenso annuo spettante ai componenti il Consiglio di Amministrazione nella misura di 60.000 euro lordi.

L’Assemblea ha inoltre approvato la Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti, redatta in conformità all’art. 123-ter del T.U.F. e all’art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob, con voto vincolante per la prima sezione della Relazione (politica di remunerazione) e con voto non vincolante sulla seconda sezione (compensi corrisposti).

 

Autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie a servizio dei piani di incentivazione

L’Assemblea ha approvato le seguenti autorizzazioni all’acquisto di azioni proprie:

  • fino ad un massimo di n. 3.500.000 azioni ordinarie e, comunque entro l’importo massimo complessivo di 9.800.000 euro, da destinare all’attribuzione 2022 del Piano di Incentivazione di breve termine 2021-2023. Per le specifiche condizioni e finalità di questo Piano, approvato dall’Assemblea del 29 aprile 2020, si rinvia alla documentazione dell’apposita sezione del sito Internet della Società (www.saipem.com – Sezione “Assemblea degli Azionisti” – Assemblea 2020);
  • fino ad un massimo di n. 22.000.000 azioni ordinarie e, comunque entro l’importo massimo complessivo di 61.400.000 euro, da destinare all’attribuzione 2021 del Piano di Incentivazione di lungo termine 2019-2021 Per le specifiche condizioni e finalità di quest’ultimo Piano, approvato dall’Assemblea del 30 aprile 2019, si rinvia alla documentazione dell’apposita sezione del sito Internet della Società (www.saipem.com – Sezione “Assemblea degli Azionisti” – Assemblea 2019).

Le autorizzazioni all’acquisto di azioni proprie sono richieste per un periodo di diciotto mesi a far data dalla delibera assembleare.

La proposta prevede che l’acquisto potrà essere effettuato, con le gradualità ritenute opportune e mediante acquisto sul mercato, ad un corrispettivo unitario non inferiore nel minimo e non superiore nel massimo al prezzo ufficiale registrato nel giorno di Borsa aperto precedente ogni singola operazione di acquisto, diminuito o aumentato rispettivamente del 5% e comunque, ad un corrispettivo che non sia superiore al prezzo più elevato tra il prezzo dell’ultima operazione indipendente e il prezzo dell’offerta di acquisto indipendente più elevata corrente nella medesima sede di negoziazione, il tutto in conformità a quanto stabilito dall’articolo 3 del Regolamento (UE) 2016/1052.

Gli acquisti di azioni proprie dovranno essere in ogni caso effettuati in modo da assicurare la parità di trattamento tra gli Azionisti, secondo le modalità stabilite dall’articolo 144-bis del Regolamento Emittenti.

Nell’effettuazione delle operazioni di acquisto verranno osservate le modalità stabilite dalla normativa pro-tempore vigente e dalle prassi di mercato ammesse, ovvero dalle condizioni indicate dal Regolamento (UE) n. 596/2014 (Market Abuse Regulation – MAR).

Il programma di acquisto di azioni proprie sarà eseguito avvalendosi del safe harbour previsto ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 MAR, e avverrà tramite il conferimento di specifico mandato di incarico a un intermediario abilitato, che effettuerà gli acquisti in piena indipendenza e senza alcuna influenza da parte di Saipem, per quanto riguarda il momento dell’acquisto delle stesse e le relative condizioni.

Attualmente la società detiene n. 17.420.217 azioni proprie, pari all’1,72% delle azioni ordinarie, destinate all’attuazione dei piani di incentivazione deliberati in anni precedenti.

La documentazione relativa all’Assemblea verrà messa a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previste dalla normativa vigente.

Il Consiglio di Amministrazione Saipem, riunitosi successivamente all’odierna Assemblea, ha nominato Francesco Caio Amministratore Delegato e Direttore Generale, conferendogli i poteri di amministrazione della Società con esclusione di specifiche attribuzioni che il Consiglio si è riservato, oltre a quelle non delegabili a norma di legge.

Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, confermato per l’Amministratore Delegato e la Presidente le attribuzioni, già in essere nel corso del precedente mandato consiliare, conclusosi con l’Assemblea in data odierna, integrandole per la Presidente con le prerogative previste dal nuovo Codice di Corporate Governance.

 

Sulla base delle dichiarazioni rese dagli Amministratori e delle informazioni a disposizione della Società, il Consiglio di Amministrazione ha accertato in capo a tutti i Consiglieri il possesso dei requisiti di onorabilità e l’assenza di cause di ineleggibilità e incompatibilità, come richiesto dalla normativa vigente.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre proceduto all’accertamento dei requisiti di indipendenza previsti dalla legge e dal Codice di Corporate Governance, verificando la sussistenza dei requisiti stessi in capo a Roberto Diacetti, Patrizia Michela Giangualano, Paul Simon Schapira e Paola Tagliavini. Alla luce delle attribuzioni e del ruolo assegnati alla Presidente, è stata confermata la qualifica di Consigliere indipendente anche in capo a Silvia Merlo.

Il Consiglio di Amministrazione risulta quindi composto in maggioranza da amministratori indipendenti, e da amministratori tutti non esecutivi, con l’eccezione dell’Amministratore Delegato e Direttore Generale.

Sulla base delle dichiarazioni rilasciate, i Consiglieri non detengono azioni Saipem.

Nella foto Francesco Caio ad e dg Saipem

AGC GreenCom 30 Aprile 2021 17:02