Ne scrive  LOLITA C. BALDOR per l’Associated Press ricordando che dieci anni dopo aver trovato e ucciso Osama bin Laden, i Navy SEAL (corpo speciale della Marina Usa) stanno attraversando un’importante transizione per migliorare la leadership ed espandere le loro capacità di comando per combattere meglio le minacce provenienti da potenze globali come Cina e Russia.

Il nuovo piano riduce il numero di plotoni SEAL del 30% ma ne aumenta le  dimensioni per rendere le squadre più letali e in grado di contrastare sofisticati avversari marittimi e sottomarini. Quindi  ci sarà un nuovo, intenso processo di screening per il corpo d’élite della Marina, per ottenere leader di qualità superiore dopo gli scandali che hanno scosso il Corpo e hanno coinvolto accuse di omicidio, violenza sessuale e uso di droghe.

L’ammiraglio Hugh Howard, comandante in capo dei SEAL, ha esposto i suoi piani in un’intervista esclusiva con l’Associated Press. Ha detto che le forze per le operazioni speciali della Marina si sono concentrate sulle operazioni di antiterrorismo, ma ora devono iniziare ad evolversi oltre quelle missioni. Negli ultimi due decenni, molti hanno combattuto nei deserti dell’Iraq e nelle montagne dell’Afghanistan. Ora sono concentrati sul ritorno in mare.

Questa decisione riflette la più ampia strategia del Pentagono di dare la priorità a Cina e Russia, che stanno rapidamente aumentando i loro eserciti e cercando di espandere la loro influenza in tutto il mondo. I leader della difesa degli Stati Uniti ritengono che due decenni di guerra contro gli estremisti abbiano prosciugato le risorse, facendo perdere terreno all’America contro Mosca e Pechino.

La lotta contro il terrorismo ha avuto i suoi vantaggi, consentendo ai SEAL di affinare le loro abilità nello sviluppo di reti di intelligence e nel trovare e colpire obiettivi, ha detto Howard, che è a capo del Naval Special Warfare Command che include i SEAL e l’equipaggio delle navi da combattimento della guerra speciale. “Molte di queste cose sono trasferibili, ma ora dobbiamo fare pressione su noi stessi per agire contro le minacce dei pari”.

Di conseguenza, Howard sta aggiungendo personale ai plotoni SEAL per rafforzare le capacità nella guerra informatica ed elettronica e nei sistemi senza pilota, affinando le loro abilità per raccogliere informazioni e ingannare e sconfiggere il nemico.

L’ammiraglio Mike Gilday, il capo delle operazioni navali, ha detto che l’obiettivo è quello di integrare meglio i SEAL nelle missioni in mare della Marina.

“Mentre la comunità Navy Special Warfare ritorna sempre più alle sue radici marittime, la loro maggiore integrazione nella Flotta –  sotto e sul mare – migliorerà inequivocabilmente le nostre capacità marittime uniche per aiutarci a competere e vincere contro qualsiasi avversario”, Gilday ha detto in una dichiarazione all’AP.

L’aumento delle dimensioni dei plotoni SEAL aggiungerà capacità high-tech. E la diminuzione del numero di unità consentirà a Howard di essere più selettivo nella scelta dei comandanti. Una decisione è un risultato diretto dell’erosione di carattere che i funzionari della Marina hanno visto all’interno della forza.

Negli ultimi anni, i SEAL sono stati coinvolti in una serie di scandali di alto profilo. Uno dei più noti è stato l’arresto del capo delle operazioni speciali della Marina Edward Gallagher con l’accusa di crimini di guerra che includevano l’omicidio di un prigioniero militante dello Stato Islamico e il tentato omicidio nelle sparatorie di civili durante un dispiegamento del 2017 in Iraq.

Gallagher è stato prosciolto da tutte le accuse tranne una,quella dove posava con la foto di un prigioniero morto. La giuria ha raccomandato di ridurre il suo grado, tagliandogli indennità e pensione mentre stava per andarci, ma il presidente Donald Trump è intervenuto ordinando che Gallagher potesse ritirarsi senza perdere il suo status di SEAL.

Più recentemente, un plotone della squadra SEAL è stato ritirato dall’Iraq nel 2019 a causa di accuse di violenza sessuale. Dieci membri del SEAL Team sono stati coinvolti nell’uso di cocaina e nella manomissione dei test antidroga. E il Navy SEAL Adam Matthews è stato condannato a un anno di prigione militare per il suo ruolo nella morte correlata al nonnismo del 2017 di un berretto verde dell’esercito in Africa.

I leader della Marina si sono inoltre irritati quando i Navy SEAL si sono staccati dal loro ethos di “tranquilla professionalità”, pubblicizzando la loro partecipazione al raid in Pakistan che ha ucciso bin Laden, quando due SEAL scrissero libri sulla missione suscitando il  rimprovero dal comandante della Naval Special Warfare dell’epoca, il Rear Adm. Brian Losey.

Da quando è subentrato lo scorso settembre, Howard ha contattato l’Esercito e il Corpo dei Marines su come controllare meglio le sue forze di comando e valutarle mentre si muovono tra i ranghi. Inoltre, sta intensificando il processo di screening con ulteriori valutazioni psicologiche per valutare i tratti della personalità. E sta espandendo altre valutazioni fatte dai subordinati e dai colleghi dei candidati per la revisione.

Il maggiore controllo, ha affermato Howard, si estenderà a tutti i ranghi e aiuterà i leader a comprendere meglio il carattere di ciascun membro del servizio. Il processo, ha detto, fornirà più feedback alle persone in modo che possano migliorare e aiuterà anche i migliori leader ad unire i comandanti con le squadre giuste.

La foto di AP del 4 maggio 2020, la foto fornita dalla Marina degli Stati Uniti mostra i candidati SEAL che partecipano alla “immersione nel surf” durante l’addestramento di base per la demolizione subacquea. 

AGC GreenCom 28 Aprile 2021 14:22