SE Aeronautics si sta dedicando alla costruzione dell’aereo passeggeri più efficiente che il mondo abbia mai visto (SE 200), con un focus su efficienza, sostenibilità e sicurezza. Fondata nel 2010 da Lloyd Weaver con sede nello Utah Usa si rese conto di quanto fossero inefficienti gli attuali aerei di linea dal punto di vista del design e intende progettare e costruire un velivolo migliore e più sostenibile. 

Oggi ha annunciato il lancio del suo nuovo concetto di aereo di linea widebody, un aereo di linea wide-body appunto stampato al 100% monoscocca frutto di una nuova generazione di aeromobili.

“La nostra tecnologia innovativa e il nuovo design del velivolo ridurranno il consumo di carburante del 70% e le emissioni di CO2 dell’80 % misurato in base al chilometro per sedile. Il design innovativo è una configurazione più efficiente e leggera a tre ali che migliora notevolmente la portanza sulla resistenza, con conseguenti capacità di decollo e atterraggio brevi (STOL) e voli estremamente lunghi. , modellato in un pezzo duro e più sicuro.

Abbiamo anche incorporato ali super sottili e lunghe e un completo snellimento dal naso alla coda”, afferma Lloyd Weaver, Ingegnere capo, SE Aeronautics.

Viviamo in un’era in cui il Covid e altre malattie trasmesse per via aerea devono essere in prima linea nel processo di progettazione di qualsiasi produttore. Questo è il motivo per cui SE Aeronautics ha sviluppato un nuovo sistema di ventilazione di alimentazione dell’aria “una tantum” che non fa mai ri-circolare l’aria nella cabina, riducendo drasticamente il rischio di esposizione da altri passeggeri infetti.

Questo, insieme al nuovo design del sedile “inclinabile”, crea un’esperienza di comfort che i passeggeri in economia devono ancora provare.

Si prevede inoltre che questo nuovo design raddoppi la durata di un aereo, riducendo al contempo il costo complessivo dell’ora di blocco della metà rispetto ad altri aeromobili delle sue dimensioni. Con un impegno sulla sicurezza, il design è costituito da un pezzo di fusoliera stampato in modo solido che è molte volte più resistente degli aerei esistenti.

Il carburante non è immagazzinato nelle ali ma in sacche autosigillanti sopra la fusoliera e in caso di atterraggio di emergenza sull’acqua, l’aereo galleggia.

La fascia media che trasporterà fino a 264 passeggeri, funzionerà come un aereo di linea leggero regionale o di lungo raggio con un’autonomia non-stop di 10.560 miglia. “Questo velivolo rappresenterà la soluzione più pratica, redditizia e permanente per la tecnologia degli aerei di linea di oggi, grossolanamente sottoperformante. La nostra efficienza di produzione ci consentirà di produrre i nostri aerei in tempi notevolmente inferiori rispetto all’attuale metodo tradizionale. Ma il fiore all’occhiello è davvero la nostra capacità di ridurre il consumo di carburante del 70%. Rivoluzioneremo il settore “, afferma Tyler Mathews, CEO, SE

foto SE aeronautica modello “widebody”

AGC GreenCom 13 Aprile 2021 12:30