domenica, Settembre 19, 2021
HomeEnergiaMercedes, addio ai motori termici? No, con E PERFORMANCE

Mercedes, addio ai motori termici? No, con E PERFORMANCE

Addio ai motori termici? Questo è il quadro che molti prospettano, con l’evoluzione dei propulsori alternativi, soprattutto elettrici. Ma deve andare davvero così? Non necessariamente, o almeno questo è quello a cui punta la Mercedes.

Sebbene essa sia in prima fila per la mobilità sostenibile, soprattutto con le sue iniziative negli ultimi anni, non vuole nemmeno rinunciare al grande bagaglio tecnico che si porta dietro grazie ai motori classici, cercando di coniugare le due cose. Il tutto grazie all’esperienza maturata da Mercedes-AMG High Performance Powertrains (HPP) e dal team di Formula 1 della casa di Stoccarda, la cui power unit è al momento la migliore in griglia.

Così i modelli ibridi E PERFORMANCE si uniscono a quelli con trazione elettrica a batteria basati sulla Mercedes Electric Vehicle Architecture (EVA).

“Con la nostra nuova strategia di sistemi di propulsione – sono le parole di Philipp Schiemer, presidente del board di Mercedes-AMG GmbH – proiettiamo il nostro tipico DNA in un futuro elettrificato. I nostri modelli ibridi Performance, completamente sviluppati ad Affalterbach, arriveranno perfino a superare la dinamica di marcia delle nostre attuali vetture, dimostrandosi così assolutamente all’altezza della nostra nuova etichetta tecnologica E PERFORMANCE”.

Un concept, in versione ibrida performance, basato su un motore AMG a quattro o otto cilindri unito ad un motore elettrico sincrono ad eccitazione permanente – a seconda dei modelli capace di sprigionare una potenza fino a 150 kW (201 Cv) di potenza e 320 Nm di coppia e funzionante con un cambio a due rapporti a innesto elettrico –, a una batteria high performance HPB80 da 89 kg realizzata ad Affalterbach – 560 celle a 400 Volt raffreddate singolarmente con un fluido non conduttore ad alta tecnologia da 6,1 kWh di capacità, 70 kW di potenza continuativa e 150 kW di potenza di picco per dieci secondi – e alla trazione integrale AMG Performance 4Matic+ con ripartizione della coppia variabile.

Il prossimo passo del programma E PERFORMANCE è la creazione di un propulsore a quattro cilindri da 2,0 litri con turbocompressore a gas di scarico elettrico derivato direttamente dalla MGU-H (Motor Generator Unit Heat) utilizzata in Formula 1 dalla Mercedes e sull’hypercar Mercedes-AMG Project One e alimentato dalla rete di bordo da 400 V e capace di lavorare a regimi fino a 156.000 giri/min.

L’obiettivo è arrivare ad erogare gli stessi livelli di performance dei motori V8 biturbo, unendo la potenza del suddetto propulsore con turbocompressore da 330 kW (443 Cv) ad uno elettrico spinto fino ad un massimo di 150 kW (201 Cv), e che saranno utilizzati nella prossima generazione della Mercedes-AMG Classe C.

Tradizione e progresso che dunque si uniscono, con la Formula 1 che torna ad essere il centro dello sviluppo tecnologico in campo automobilistico, proiettando il motore termico verso il futuro e unendolo ai vantaggi in termini prestazionali e di sostenibilità di quello elettrico.

Foto Mercedes-AMG

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments