E’ proseguita la tappa romana della campagna nazionale Clean Cities di Legambiente, dopo la pagella della mobilità a Romasi è passtia alla periferia est di Roma e Legambiente pubblica la video-denuncia sull’abbandono di 3 km di binari sulla Ferrovia Roma-Giardinetti, 9 km di binari, 3 dei quali totalmente inutilizzati.

La Roma-Giardinetti è una ferrovia a scartamento ridotto di proprietà regionale che presta servizio urbano a Roma, nel 1917 la ferrovia appena inaugurata contava 137 km di tracciato, per gran parte dismesso negli anni, nel 2021 solo 6 km utilizzati, tutti dentro Roma. Dal 3 agosto 2015 è in servizio solo il tratto dalle Ferrovie Laziali (Stazione Termini) a Centocelle, a causa di inopportuna decisione di Regione e Comune: da subito decine di Comitati e Associazioni del territorio, con il Circolo “Città Futura” di Legambiente in testa, ne hanno contestato la chiusura e richiesto riapertura per dare più “ferro” alla Capitale dove la “CURA DEL FERRO” è ferma da decenni.

A Luglio 2016, con un primo atto del Consiglio Comunale si chiedeva a Giunta e Atac di riportare il “tranvetto” a Giardinetti. A Giugno 2020 un secondo atto: il Campidoglio, che deve acquisire la gestione della linea, vota all’unanimità la mozione per la riapertura dei 3 km di tratta Centocelle-Giardinetti, anche per alleviare l’affollamento della Metro C, consentendo durante la pandemia più distanziamento fisico sul trasporto pubblico. Nonostante tutto ciò, oggi le vetture si fermano ancora a Centocelle e il passaggio di gestione da Regione a Comune è fermo.

“Il tranvetto è molto più di un oggetto consegnato alla custodia di un museo, è mille volte più efficace. Consumare il passato nella vita reale è il tempo presente”, da… Il Mondo e la Storia dal tram di Roma … di Andrea Satta; e Legambiente aggiunge: “sarà il tempo futuro”

“Bisogna riportare subito il tranvetto a Giardinetti restituendo a Roma tre chilometri di binari – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -, con questa video-denuncia, realizzata su monopattino elettrico in mezzo a migliaia di automobili che sfrecciano o parcheggiate sulla massicciata, vogliamo mostrare quanto sarebbe fondamentale un’operazione del genere nel popolosissimo quartiere Casilino, a est di Roma: un pezzo di cura del ferro pronta all’uso e a costo zero. Il Campidoglio, che a chiacchiere è d’accordo per la riapertura, semplicemente non fa niente di niente perché ciò avvenga, tutti votano delibere su delibere a suo sostegno, ma nulla si muove, non si conclude il passaggio da Regione a Comune, Atac si guarda bene dal far proseguire la corsa del tram, e intanto, al capolinea abbandonato di Giardinetti, spicca ancora il cartello LIMITAZIONE LINEA, DAL 3 AGOSTO IL SERVIZIO E’ SOSPESO NELLA TRATTA CENTOCELLE-GIARDINETTI, peccato che si parli del 3 agosto di 6 anni fa!”.

Il link al video https://www.dropbox.com/s/ybs67rql8xi9v16/Casilina.m4v?dl=0 

 

AGC GreenCom 26 Marzo 2021 9:28