Quanto accaduto nel Canale di Suez è sostanzialmente questo: un incidente che ha avuto nell’arco di poche ore delle ripercussioni mondiali. La Ever Given, nave portacontainer di 400 metri di lunghezza, si è incagliata al chilometro 151 del canale egiziano bloccando la rotta. Si indaga per capire cosa sia realmente accaduto comprese le autorità di Panama, dove è registrato il cargo.  La compagnia taiwanese Evergeen Marine ha spiegato che la causa potrebbe addebitarsial maltempo con raffiche a 40 nodi e sabbia che si è sollevata dal deserto, quindi condizioni di visibilità per cui la nave  (di 224mila tonnellate) è diventata ingovernabile e i venti avrebbero spostato la prua fino a farla incagliare in mezzo al canale.

Questa la versione, confidata da un funzionario egiziano alla Associated Press, solleva molti dubbi perché al momento le indagini “escludono qualsiasi guasto meccanico o del motore”, ha detto la compagnia e anche perché nel canale vigono regole  che rendono impossibile questo tipo di incidenti.

Quotidianamente da Suez passando convogli con una nave a un miglio di distanza l’una dall’altra e occorrono 15 ore di navigazione con l’aiuto di un pilota egiziano accolto nei cargo per far rispettare il rigido regolamento imposto dall’Autorità di Suez.

Al momento il traffico non è  ripreso e molte navi sono ancora ferme  come segnalato dalla emittente araba Al Jazeera che parla di almeno 150 navi bloccate, blocco che secondo stime accreditate, fa perdere almeno  9 miliardi Usd al giorno.

Secondo le stime dell’agenzia dal  Reuters  dalcanale transita il 10% del gas e del petrolio che viene trasportato via mare e il 12% del traffico merci di tutto il mondo, questa la ragione per cui il prezzo del greggio è balzato già ieri del +5%.

L’Egitto sa che il Canale è un problema globale perché solo nel 2020 vi transitavano 19mila navi e il Cairo ha incassato  5,6 miliardi di dollari di diritti. Ma questo non è l’unico incidente verificatosi che ha sollecitato l’interesse strategico di tutte le grandi Potenze.

L’Italia ha interessi molto importanti nell’area e non è casuale che abbia suoi militari a Gibuti e navi nel Golfo di Aden allingresso sud del Mar Rosso, senza parlare delle relazioni economiche con l’Egitto. In ogni caso è da escludere che la situazione del Canale possa comportare interventi di altre potenze. Gli interessi con il Cairo sono blindati da consolidati equilibri internazionali. 

Foto wikimedia

AGC GreenCom 25 Marzo 2021 17:21