Firmata una lettera di intenti da parte di Enel X e Fincantieri, che ha l’obiettivo avviare una partnership per la realizzazione e la gestione di infrastrutture portuali di nuova generazione, a basso impatto ambientale, e per l’elettrificazione delle attività logistiche a terra. L’accordo, dedicato inizialmente a progetti nazionali, riguarda l’implementazione del cold ironing, ovvero la tecnologia per l’alimentazione elettrica da terra delle navi ormeggiate durante le soste, ma anche della gestione e ottimizzazione degli scambi di energia, dei sistemi di accumulo e di produzione di energia elettrica.

“Enel e Fincantieri- spiega Eliano Russo, Head of e-Industries, Enel X- stanno unendo le forze per favorire la decarbonizzazione dei consumi navali in porto. Il 90% dei porti europei, si trova in aree urbane e l’opinione pubblica in molte città portuali denuncia l’inquinamento, il rumore e le vibrazioni prodotti dai motori delle navi ferme in banchina. Lo sviluppo del cold ironing permetterà di evitarlo”.

Per Laura Luigia Martini, ceo business advisor ed executive vice president corporate business development di Fincantieri, “lo sviluppo di infrastrutture smart e integrate e la tutela del territorio proietterebbero il sistema portuale nazionale in una nuova fase, caratterizzata dai principi della sostenibilità”.

Foto Fincantieri Trieste

AGC GreenCom 24 Marzo 2021 16:38