Buone notizie dalla Calabria per chi lavora e per chi si sposta per motivi di studio. Quattro corse regionali in più dal lunedì al venerdì tra Reggio Calabria e Cosenza ridurranno di 30 minuti gli attuali tempi di viaggio tra il capoluogo reggino e la cosiddetta Atene d’Italia.

L’appuntamento è per lunedì 22 marzo, quando i Pop – convogli regionali Alstom di ultima generazione di Trenitalia – saranno a disposizione dei pendolari calabresi su una delle principali linee che unisce la costa all’entroterra.

La Testata giornalistica online del Gruppo Ferrovie dello Stato, FSNews, rendo noto che per le corse, attivate in accordo con la Regione Calabria committente del servizio, sono previste fermate nelle stazioni di Castiglione Cosentino, Lamezia Terme, Vibo-Pizzo, Rosarno, Gioia Tauro, Villa San Giovanni e Reggio Calabria Lido.

Due i collegamenti giornalieri da Reggio Calabria a Cosenza e altrettanti in direzione opposta. Il primo treno parte dalla città sullo Stretto alle 6.00 con arrivo alle 8.05; per il secondo la partenza è prevista alle 17.50 e arrivo alle 19.55. Da Cosenza invece il primo Pop è programmato alle 6.23 per arrivare nel capoluogo reggino alle 8.32, e il ritorno alle 17.45 con arrivo alle 19.54.

I primi quattro “Pop” di Trenitalia sono giunti in Calabria nello scorso novembre Entro il 2024 saranno 27 in tutto i nuovi convogli che ridurranno sensibilmente l’età media della flotta regionale.

Per la flotta regionale della Calabria arriveranno, inoltre, 10 treni elettrici a media capacità e 13 innovativi diesel-elettrici, convogli prodotti in parte nello stabilimento Hitachi di Reggio Calabria, fornitore di Trenitalia anche per l’intero territorio nazionale.

La produzione dei nuovi treni rientra nel Contratto di Servizio della durata di 15 anni tra Regione Calabria e Trenitalia, che prevede circa 300 milioni di investimenti, la maggior parte dei quali – 210,2 milioni di euro – destinata appunto all’acquisto di nuovi treni, mentre 98 milioni di euro saranno invece investiti per la loro manutenzione e per migliorare le attività industriali sul territorio.

Foto di Enrico Massidda: treno Pop in sosta alla stazione di Ancona

AGC GreenCom 18 Marzo 2021 22:19