Autostrade Tech diventa Movyon, nuovo operatore tecnologico che si prefigge grandi obiettivi in campo hi-tech e autostradale. A prenderne il comando sarà Lorenzo Rossi, già CEO di Autostrade Tech.

In particolare, Movyon punta alla gestione degli spostamenti urbani e a un dialogo autostrada-veicolo attraverso le sue tecnologie, aumentando la sicurezza sulle strade e autostrade. Una mossa che coinvolgerebbe milioni di automobilisti, dentro e fuori l’Italia, che rappresenta un punto fondamentale per il piano generale di rinnovamento voluto dal Gruppo Autostrade per l’Italia. Per fare ciò saranno investiti nella nuova azienda 100 milioni di euro e verranno raddoppiati i dipendenti nei prossimi tre anni: inoltre, l’80% dei nuovi lavoratori dovrà essere composto da ingegneri, fisici e matematici con un’età media di 40 anni.

Soluzioni sostenibili e altamente avanzate sono ciò a cui mira Movyon, che sta già sviluppando le prime Smart Road autostradali italiane per poter comunicare in maniera precisa e certificata la presenza di ostacoli, cantieri e restringimenti agli automobilisti lungo i tragitti, accordandosi con i principali produttori di auto sul mercato. Tra aprile e giugno 2021 sarà completata la prima smart road nel tratto autostradale tra Firenze Sud e Firenze Nord in A1, per la lunghezza di 26 km.

Si prefigge anche la creazione di vere e proprie aree di servizio “smart”, dando agli utenti informazioni e servizi sull’affollamento nei locali di ristoro, sulla disponibilità dei parcheggi e delle colonnine di ricarica per veicoli elettrici e sul tempo di attesa per i diversi servizi. La prima area sarà aperta a Peretola, in provincia di Firenze, entro aprile 2021. Per giugno 2021 è prevista anche la piattaforma che consente l’introduzione della tariffazione dinamica sulle tratte autostradali.

Entro il 2024 inoltre Movyon vuole introdurre servizi per la mobilità urbana, con soluzioni per esempio per il monitoraggio delle metropolitane e la regolazione degli accessi all’interno degli autobus turistici.

Sono tante le ambizioni della nuova società, che si prefigge come uno dei futuri punti di riferimento dei trasporti nel nostro Paese, sfruttando un periodo come quello attuale che, per quanto complicato, offre nuove prospettive sotto tutti i punti di vista, sia in termini di progresso tecnologico che sostenibile.

Foto Autostrade per l’Italia

AGC GreenCom 18 Marzo 2021 20:16