Il mercato dei servizi legati alle utenze domestiche e lavorative è in costante evoluzione e ha subito nel corso degli ultimi anni importanti trasformazioni. Ciò ha permesso di sviluppare strategie commerciali e canali multiservizi che racchiudono in un unico pacchetto energia elettrica, gas, internet e telefonia. Federica Sorrentino ha intervistato Matteo Ballarin, presidente e fondatore di WithU, società in rapida espansione soprattutto nel nord Italia. 

Come si articola la vostra strategia e quali i principali vantaggi?

“Siamo un’azienda innovativa. Siamo nati tredici anni fa nati in un mercato di colossi, perché i competitors si chiamano Enel, Eni, Edison. Cerchiamo, quindi, di fare sempre dell’innovazione del prodotto l’elemento che ci contraddistingue maggiormente. Siamo stati forse i primi in Italia a lanciare un approccio che vuole abbracciare le famiglie per quelli che sono diventati dei bisogni quasi primari: oltre a energia e gas naturale, anche il cellulare e internet a casa nostra senza cui diventa un problema. Abbiamo cercato di facilitare al massimo l’accesso con un’unica controparte, un unico operatore che possa fornire tutti questi servizi nel modo più semplice possibile, con un’unica bolletta e un unico numero verde. Ovvero, un unico interlocutorw, portando anche del risparmio alle famiglie italiane. Questo è proprio il DNA che ci sta contraddistinguendo nell’ultimo anno come attività, e sul quale spingeremo sempre di più”.

Famiglie e imprese, prezzi fissi e variabili. L’utenza richiede sempre più servizi e forniture tagliate per le proprie esigenze. Come si posiziona WithU nel panorama delle società multiservizi?

“Ci posizioniamo in un modo un po’ particolare, perché ciò che ci viene chiesto maggiormente da per famiglie e partite iva è semplificazione. Se parliamo delle grandi aziende, forniamo tutto quello che vogliono, che sia un prezzo fisso o variabile, legato al petrolio o al vento, siamo in grado di fare tutto. Quando si va a parlare con la famosa signora Maria, con il tabaccaio di turno, la prima cosa che ci si sente dire “sì, voglio risparmiare, ma soprattutto non voglio problemi”. È proprio in questo contesto che cerchiamo di contraddistinguerci. Cercare di essere giovani, puliti e di aiutare a semplificare la vita è proprio una delle cose principali che ci poniamo come obiettivo”.

Una delle preoccupazioni maggiori dei consumatori è legata alla bolletta, in cui sono riportati i canoni e che è il principale strumento di comunicazione con la clientela. Voi proponete una bolletta 2.0. Come si caratterizza?

“Il settore dell’energia e del gas è un po’ particolare, perché l’autorità di regolazione obbliga a determinati format di bolletta, che non sempre sono così chiari. L’intenzione del regolatore è garantire la massima trasparenza, ma dando il maggior dettaglio possibile su determinati oneri che il 99% dei consumatori non capisce. Abbiamo così deciso di fare un unico conto economico, ovvero mettere insieme le bollette di tutte le nostre utility, quali energia, gas, piuttosto che telefonia mobile o fibra, ma sono raggruppate in un unico documento, all’interno del quale abbiamo inserito due pagine di introduzione. In questo modo spieghiamo in maniera semplice quelle che sono le vere voci di costo, che su una bolletta dell’energia e gas sono tasse o simil tasse, cioè quella parte della bolletta dove non possiamo intervenire. Per esempio, nella bolletta dell’energia elettrica quasi metà se ne va per finanziare le fonti rinnovabili; si tratta di un onere che si paga qualunque sia il fornitore. Noi ci teniamo, quindi, a mettere in evidenza quello che è il sistema italiano e quella che è la parte veramente soggetta a concorrenza, in modo tale che il cittadino abbia modo di valutare quanto bravi siamo e anche rendersi conto di come va realmente il sistema. In definitiva, proponiamo un frontespizio che raggruppa tutto il conto economico e che fa fede come unico sistema di pagamento: pagando quell’importo, paghi le quattro bollette allegate”.

Intervista di Federica Sorrentino

AGC GreenCom 16 Marzo 2021 14:14