Presentata la terza pubblicazione dell’Indagine sul clima della BEI (Banca Europea di Investimenti) 2020-2021 che esplora le aspettative delle persone in termini di politiche pubbliche per affrontare il cambiamento climatico.

Nel dettaglio il 39% degli europei afferma che il modo migliore per combattere il cambiamento climatico è attraverso un cambiamento radicale delle proprie abitudini individuali. Il 29% conta invece sull’innovazione tecnologica. Il 35% dei cinesi e il 34% degli americani afferma che il modo più efficace per combattere il cambiamento climatico è attraverso l’innovazione tecnologica; Il 32% degli intervistati in Cina e il 31% negli Stati Uniti ha più fiducia nel ruolo dei cambiamenti comportamentali individuali.

Il 36% degli europei e degli americani desidera espandere il telelavoro per ridurre il pendolarismo e combattere il cambiamento climatico. Le opinioni sulle priorità per limitare il cambiamento climatico variano in tutto il mondo. Le persone in Cina (35%) e negli Stati Uniti (34%) ritengono che i miglioramenti tecnologici (ad esempio innovazione, digitalizzazione, sviluppo delle energie rinnovabili) siano il modo più efficace per combattere il cambiamento climatico. Nel frattempo, il 29% degli europei ha definito questa opzione il modo migliore per affrontare la crisi climatica.

In Europa, il 39% cita un cambiamento radicale delle proprie abitudini (consumi, trasporti, ecc.) Come il modo più appropriato per combattere il cambiamento climatico. Per gli intervistati cinesi (32%) e americani (31%), questa opzione è classificata come il secondo modo più efficace per limitare il cambiamento climatico.

Quasi la metà degli europei (48%) e degli americani (45%) afferma che il motivo principale per ridurre l’uso di combustibili fossili è che le riserve mondiali saranno presto esaurite o diventeranno più indipendenti dalle risorse di altri paesi. Il 24% degli europei e il 24% degli americani ritiene che il motivo principale per ridurre l’uso di combustibili fossili sia ridurre l’inquinamento locale.

Mentre tendenze simili si osservano nell’Unione europea e negli Stati Uniti, i risultati differiscono notevolmente in Cina, con il 33% degli intervistati che cita il ridotto utilizzo di combustibili fossili come un’opportunità per ridurre l’inquinamento locale. Questa risposta si è classificata in cima alle opzioni tra le quali è stato chiesto di scegliere agli intervistati cinesi.

Indipendentemente da dove vivono gli intervistati, l’energia è vista come un settore prioritario nella lotta al cambiamento climatico. A livello globale, c’è un appello a dare la priorità all’azione per il clima nel dominio dell’energia, e in particolare ad aumentare l’uso di fonti di energia rinnovabile, citata dal 49% degli intervistati europei e cinesi e dal 47% degli americani.

Per gli intervistati cinesi, anche la tassazione pesante delle auto altamente inquinanti (52%) e l’ulteriore sviluppo dei trasporti pubblici (47%) dovrebbero avere la priorità nella lotta contro il cambiamento climatico. Gli intervistati europei e americani sono più propensi a menzionare i sussidi per le auto elettriche (citati dal 40% degli europei e dal 37% degli americani) e la necessità di espandere le opportunità di telelavoro per ridurre il pendolarismo (menzionato dal 36% di europei e americani).

Quando si tratta di azione per il clima e mobilità urbana, gli intervistati identificano l’aumento dell’efficienza del trasporto pubblico come la massima priorità: questa opzione è citata dal 55% degli europei, dal 54% degli intervistati cinesi e dal 47% degli americani. Le persone in Cina si distinguono per essere particolarmente inclini a sostenere i divieti sui veicoli ad alte emissioni nei centri urbani (il 50% è favorevole rispetto al 34% degli europei e al 33% degli americani).

Per il 41% dei cittadini italiani, cambiare radicalmente i comportamenti individuali è il modo più efficace per combattere il cambiamento climatico. Il 25% afferma che le nuove tecnologie avranno l’impatto più significativo, mentre il 22% darebbe la priorità agli investimenti pubblici e privati in progetti rispettosi del clima e il 12% favorirebbe la regolamentazione del governo. Quasi la metà degli italiani si dichiara a favore di un ulteriore sviluppo del trasporto pubblico (47%) e il 49% è a favore delle auto elettriche sovvenzionate. Sono anche favorevoli alla riduzione del pendolarismo quotidiano per combattere il cambiamento climatico: il 38% afferma che espandere le opportunità di telelavoro per combattere il cambiamento climatico dovrebbe essere una priorità.

Tuttavia, gli italiani sono meno interessati degli altri europei a fermare la produzione di prodotti che non dureranno o non potranno essere riparati (35% contro il 48% della media UE). Ma l’83% sottolinea che le misure di azione per il clima devono tenere conto del divario di reddito e della disuguaglianza sociale per avere successo.

AGC GreenCom 11 Marzo 2021 7:52