Gli autotrasportatori in entrata e in uscita dalla Sardegna per nave avranno la priorità una volta attraccati sull’isola nei controlli anti-Covid: questo è quanto dice l’ordinanza regionale firmata la settimana scorsa dal presidente della Regione Christian Solinas. Da oggi sono operativi anche i test rapidi al porto di Cagliari, dopo i tre aeroporti e gli scali marittimi del nord della Regione.

Nelle seguenti dichiarazioni rilasciate all’agenzia AGI Luigi Cadeddu, referente del Coordinamento regionale sanitario, ha spiegato le priorità attuali: “Ci sono ‘corsie preferenziali’ per gli autotrasportatori. Non dobbiamo privilegiare il lavoro, ma in sicurezza, per far ripartire la Sardegna”, sottolineando: “Se uno dovesse risultare positivo si seguiranno le procedure. Un autotrasportatore positivo è un focolaio itinerante e, quindi, dobbiamo impedire che questo accada”.

“Chi sbarcherà dai traghetti – continua Cadeddu – attenderà prima nella tenda destinata a sala d’attesa e verrà registrato. Poi, verrà indirizzato in un percorso per effettuare il tampone antigenico. Il risultato arriverà nel giro di un quarto d’ora. Se è negativo viene fatto andare via, mentre se dovesse risultare positivo, gli verrà fatto un tampone molecolare”.

Da qui in caso di ulteriore positività si dovrebbe procedere all’iter con la valutazione del medico e il trasporto del paziente in un hotel Covid sia in caso di asintomaticità che di sintomaticità. In quest’ultimo, però, dovrà essere tenuto isolato dagli altri e visitato dall’Usca.

Pur non credendo possano essere necessari ricoveri, visto che “già prima, a bordo della nave – dichiara ancora all’AGI Careddu – viene misurata la temperatura e i passeggeri non dovrebbero avere sintomi”, nell’eventualità di un tampone effettuato 48 ore prima tutti coloro che arrivano dovranno comunque sottoporsi a un test rapido.

Misure dunque strettissime, un monito dalla Regione a non abbassare la guardia, nonostante la Sardegna sia l’unica zona bianca d’Italia, e le cui autorità vogliono mantenere questo status.

Foto Regione Sardegna

AGC GreenCom 9 Marzo 2021 17:52