Il Gruppo FS offre il suo contributo contro la pandemia, collaborando con il Dipartimento della Protezione Civile e con la Croce Rossa Italiana, ma anche con le Regioni come in Lombardia, con l’AREUAgenzia Regionale Emergenza Urgenza che ha lavorato alla realizzazione del treno sanitario o con la Regione Lazio, il cui ruolo è dare vita al primo centro vaccinale in un hub ferroviario, quello di Roma Termini. Lo pubblica FS News testata on line delle ferrovie dello stato.

 I dettagli delle iniziative sono stati illustrati a Roma Termini dall’amministratore delegato del Gruppo FS Gianfranco Battisti. Presenti il ministro della Salute Roberto Speranza, insieme al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, al capo Dipartimento Protezione Civile Fabrizio Curcio e al presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca. A inizio cerimonia, l’AD di FS Gianfranco Battisti ha portato i saluti del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovanini.

Esculapio, il treno sanitari di soccorso mobile è stato realizzato dal Gruppo FS nelle Officine Manutenzione Ciclica di Trenitalia a Voghera in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile e AREU.

 Il convoglio interoperabile è composto da otto carrozze e due locomotive (per velocizzare le fasi di avvio) ed è in grado di essere impiegato in Italia e all’estero e può avere la funzione di trasporto pazienti verso altre zone d’Italia o all’estero per alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere. Ma rappresenta anche un’integrazione al servizio sanitario territoriale per la gestione delle emergenze, in caso di utilizzo come Posto Medico Avanzato.

 Il treno sanitario è un soccorso mobile sempre pronto a intervenire. Tre carrozze sono attrezzate ad accogliere i pazienti, 21 postazioni tutte equipaggiate con strumentazioni per la terapia intensiva: 21 ventilatori polmonari, 1 ecografo, 2 emogas analizzatore, 21 fra monitoraspiratori, barelle e altre attrezzature. Queste carrozze sono gestite da personale sanitario specializzato, personale tecnico-logistico e di direzione per un massimo di 45 operatori.

Si aggiungono due carrozze: una con posti letto destinata al riposo del personale e l’altra riservata al coordinamento tecnico sanitario.

Altre due carrozze tecniche sono necessarie per il funzionamento delle apparecchiature medicali e, in particolare, per ospitare i gruppi elettrogeni che creano un sistema indipendente di alimentazione delle dotazioni sanitarie. Completa il convoglio una carrozza magazzino per il trasporto di tutti i materiali e dei farmaci necessari.

 Più autonomia energetica, nessuna limitazione al traffico ferroviario e grande flessibilità d’uso sono le caratteristiche distintive del treno sanitario che è stato progettato per offrire un livello di assistenza sanitaria fino alla terapia intensiva, anche in biocontenimento, ma vede la possibilità di integrare altre carrozze con ulteriori funzioni medico-sanitarie.

Prima di entrare in attività sono state fatte insieme al Dipartimento della Protezione Civile e AREU delle esercitazioni – in linea e a pieno carico – per testare i due generatori che alimentano le 21 postazioni.

Per velocizzare i tempi di realizzazione il progetto è stato sviluppato da un team di tecnici di Trenitalia e ha visto il coinvolgimento del personale sanitario direttamente sulle carrozze, durante i lavori nelle officine del Gruppo FS.

Il primo hub ferroviario per i vaccini contro il Covid-19 è a Roma Termini. Sono 21 le postazioni disponibili, di cui due dedicate alle persone con disabilità, per i vaccini che a regime arriveranno a 1.500 dosi al giorno, grazie alla sinergia tra il Gruppo FS, la Croce Rossa Italiana e la Regione Lazio.

 Quasi duemila metri quadrati, in una sezione del parcheggio di piazza dei Cinquecento, ospitano tre giganti tende mobili della Croce Rossa Italiana, ampi spazi per le operazioni di accettazioneanamnesivaccinazione attesa post vaccino. Si aggiungono un presidio sanitario attivo e un’ambulanza sempre presente.

 Il Gruppo FS ha messo a disposizione l’area, di proprietà di FS Sistemi Urbani, e ha fornito con Grandi Stazioni Rail tutto il supporto logistico. Previsti servizi igienici, fornitura di acqua, elettricità e pulizie h24 per tutto l’hub. Insomma un’installazione realizzata in tempi record, dove le attività mediche si svolgeranno in massima sicurezza, grazie a un servizio di vigilanza permanente, adeguate recinzioni e telecamere di videosorveglianza. Non mancano le opere stradali per realizzare la nuova viabilità, corredata dalla relativa segnaletica, della grande piazza di fronte alla stazione.

 Inoltre, il Gruppo FS metterà a disposizione della Croce Rossa Italiana ulteriori spazi dove allestire tensostrutture per effettuare attività di screening alla popolazione nelle stazioni di Roma Termini, Bari, Bologna, Cagliari, Firenze Santa Maria Novella, Milano Centrale, Napoli Centrale, Palermo, Reggio Calabria, Torino Porta Nuova e Venezia Mestre.

 L’iniziativa consentirà, a pieno regime, di effettuare fino a 540mila test antigenici gratuiti in sei mesi su tutto il territorio nazionale.  

 

AGC GreenCom 8 Marzo 2021 13:21