sabato, Settembre 18, 2021
HomeTrasportiANA (All Nippon Airways), massima redditività con attività cargo

ANA (All Nippon Airways), massima redditività con attività cargo

Crescente la domanda per operazioni cargo: oltre alla flotta di 11 velivoli “tutto merci”, la compagnia nipponica ANA, membro di Star Alliance dal 1999 e che partecipa a joint venture partnership con United Airlines, Lufthansa, Swiss e Austrian Airlines, per soddisfare pienamente le necessità, utilizzerà anche velivoli destinati al trasporto passeggeri.

Così All Nippon Airways (ANA) – la più grande compagnia aerea giapponese, premiata con il riconoscimento 5-star di SKYTRAX per otto anni consecutivi – ha annunciato il suo operativo trasporto merci per l’anno finanziario 2021 che prevede collegamenti diretti dall’aeroporto di Tokyo-Narita per Chicago, Francoforte, Bangkok, Singapore, Hong Kong, Taipei, Seoul, Shanghai, Qingdao, Xiamen e Guangzhou.

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno finanziario in corso (aprile – dicembre 2020) il vettore ha infatti visto crescere progressivamente la domanda di trasporto merci a livello internazionale, in particolare merci di emergenza e forniture mediche come le mascherine a partire dal primo trimestre (aprile-giugno), a cui si è aggiunta, dal mese di agosto, quella di veicoli e componenti, di semiconduttori e altre apparecchiature elettroniche. L’andamento positivo della domanda ha permesso di chiudere i primi tre trimestri con un incremento del 30% per il fatturato del comparto cargo.

ANA aumenterà la redditività delle operazioni cargo concentrando i suoi freighter all’aeroporto di Narita per soddisfare la domanda di consegne merci in Asia, Cina, Nord America ed Europa. Oltre a massimizzare l’uso della flotta degli 11 ANA Freighter (due Boeing 777 e nove Boeing 767) su tutto il network, ANA sosterrà dunque il promettente trasporto merci aggiungendo sia voli charter che voli commerciali non di linea per soddisfare la richiesta e mantenere la redditività dei collegamenti.

Il vettore introdurrà nuove destinazioni e rotte sulla base dell’andamento della domanda del mercato e della valutazione della sua redditività, e prenderà di conseguenza in considerazione l’utilizzo di aeromobili passeggeri per collegamenti cargo.

Infine, per rispondere all’aumento di richieste di trasporto merci da e per Okinawa, ANA gestirà in modo più flessibile il suo Okinawa International Aerial Logistics Hub – passando da un modello di business, che prevedeva trasporti operati solo con aeromobili cargo ANA, a uno che valuta l’utilizzo dello spazio cargo degli aerei passeggeri (compresi quelli operati da Peach Aviation e altre compagnie aeree partner) che operano all’aeroporto di Naha.

Fondata nel 1952 con due elicotteri, ANA è diventata la più grande compagnia aerea in Giappone e una delle più importanti in Asia, con 82 rotte internazionali e 118 rotte nazionali. L’aerolinea opera con un esclusivo modello di hub duale che consente ai passeggeri di viaggiare a Tokyo e fare scalo nei due aeroporti della metropoli, NARITA e HANEDA, per poi proseguire verso numerose destinazioni in tutto il Giappone, e allo stesso tempo volare verso molte città in Nord America, in Asia e in Cina.

Foto ANA-All Nippon Airways

.

 

 

 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments