Un esordio con sette anni di anticipo su quanto previsto in precedenza. A.P. Møller-Maersk accelera gli sforzi per decarbonizzare le operazioni marittime e “lancerà” la prima nave di linea a emissioni zero al mondo nel 2023, decisamente prima delle ambizioni iniziale previste per il 2030. A.P. Møller-Mærsk, nota anche come Maersk, è un gruppo danese che ha attività in diversi settori: principalmente trasporto marittimo, energia e cantieristico navale. È il più grande armatore di navi mercantili nel mondo dal 1904.

“L’ambizione di Maersk è di aprire la strada alla decarbonizzazione della logistica globale – ha detto Søren Skou, CEO del Gruppo – e i nostri clienti si aspettano che li aiutiamo a decarbonizzare le loro catene di approvvigionamento globali. Stiamo raccogliendo la sfida, lavorando per risolvere le problemi pratici, tecniche di sicurezza inerenti ai combustibili a emissioni zero di cui abbiamo bisogno in futuro. La nostra ambizione di avere una flotta completamente a emissioni zero entro il 2050 era un balzo in avanti quando l’abbiamo annunciato nel 2018. Oggi lo vediamo come un obiettivo impegnativo ma raggiungibile”.

“Il calendario dei nostri impegni sulla decarbonizzazione – ha precisato Søren Skou – è il seguente: 2023, in funzione il primo rivestimento al mondo a emissioni zero; 2030, riduzione di CO₂ relativa del 60% dalla spedizione; 2050, zero emissioni di CO₂ nette”. Circa la metà dei 200 maggiori clienti di Maersk ha fissato, o sta fissando, obiettivi ambiziosi basati sulla scienza o zero emissioni di carbonio per le loro catene di fornitura e la cifra è in aumento.

La nave alimentata a metanolo di Maersk avrà una capacità di circa 2000 TEU e sarà impiegata in una delle sue reti intraregionali. Mentre la nave sarà in grado di operare con VLSFO standard (Olio combustibile a tenore di zolfo molto basso, max 0,50%), il piano è di far funzionare la nave con e-metanolo a emissioni zero o bio-metanolo sostenibile sin dal primo giorno.

“Sarà una sfida significativa procurarsi una fornitura adeguata di metanolo a emissioni zero entro la nostra linea temporale per aprire la strada a questa tecnologia – ha affermato Henriette Hallberg Thygesen, CEO di Fleet & Strategic Brands, A.P. Møller-Maersk – e il nostro successo si basa sul fatto che i clienti abbraccino questo prodotto rivoluzionario e rafforzino la collaborazione con produttori di carburante, partner tecnologici e sviluppatori per aumentare la produzione abbastanza velocemente. Riteniamo che la nostra aspirazione a mettere in funzione la prima nave di linea a emissioni zero al mondo entro il 2023 sia il modo migliore per avviare il rapido ridimensionamento dei combustibili a emissioni zero di cui avremo bisogno “.

Un futuro carbon neutral per il trasporto marittimo richiede innovazione, test e collaborazione tra più partner industriali. Maersk continua a esplorare diversi percorsi per i combustibili a emissioni zero e si aspetta che in futuro esistano più soluzioni di carburante l’una accanto all’altra. Il metanolo (e-metanolo e bio-metanolo), le miscele di alcol-lignina e l’ammoniaca rimangono i principali combustibili candidati per il futuro.

Un partner chiave per la collaborazione è il Mærsk Mc-Kinney Møller Center for Zero Carbon Shipping, centro di ricerca e sviluppo senza scopo di lucro indipendente, che opera in settori, organizzazioni, aree di ricerca e regolatori per accelerare lo sviluppo e l’implementazione di nuovi sistemi energetici e tecnologie.

Foto A.P. Møller-Maersk

 

AGC GreenCom 18 Febbraio 2021 19:12