giovedì, Settembre 23, 2021
HomeScienze e TecnologiaIntelligence: sospetti arma russa a radiofrequenze

Intelligence: sospetti arma russa a radiofrequenze

La Russia potrebbe aver sviluppato, e usato, un nuovo sistema d’arma basato sull’emissione di radiofrequenze pulsate in grado di provocare la cosiddetta “sindrome dell’Avana”, così definita negli Stati Uniti perché i primi a denunciarne gli effetti erano stati i diplomatici americani in missione a Cuba.

Lo scrive l’agenzia AdnKronos che riporta una intervista alla Bbc di Marc Polymeropoulos, agente della Cia con lunga esperienza in Iraq, Siria, Afghanistan, successivamente a capo delle operazioni sotto copertura in Europa e in Asia per contrastare le attività di interferenza di Mosca.

Lo 007 racconta che al suo risveglio in una camera d’albergo di Mosca, dove si era recato legalmente dichiarando il suo ruolo per incontrare colleghi russi, ha cominciato ad avere giramenti di testa, acufene e nausea.

“Non riuscivo a stare in piedi -racconta- Mi hanno sparato diverse volte, ma questa è stata l’esperienza peggiore della mia vita”. Per tre anni, ha sofferto di emicrania e non è stato in grado di lavorare per un giorno interno costretto a prendere lunghi periodi di malattia. I suoi sintomi sarebbero simili a quelli denunciati dal 2016 da diplomatici americani a Cuba.

La prima risposta scientifica a questi sintomi manifestati da funzionari, diplomatici e agenti  è arrivata  dalla Us National Academies of Sciences. I sintomi, si sottolineava in un rapporto “sono coerenti con gli effetti dell’energia di una radio frequenza diretta e pulsata”. Dato che Polymeropoulos è stato colpito a Mosca secondo la Bbc si evince  che l’arma sia stata sviluppata in Russia.

“Abbiamo scoperto che un sottogruppo di persone colpite dalla sindrome, condividevano, agli stessi identici sintomi, ed è dall’esame di questi sintomi che abbiamo stabilito che l’origine era una sola”, ha spiegato David Relman, dell’Università di Stanford, a capo della Commissione dell’Accademia delle scienze. 

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments